Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
FRT: il PNAF dell'Agcom affossa anche la radio digitale
Presa di posizione della FRT sulla radio digitale, "affossata" dal  Piano nazionale di assegnazione delle frequenze per il servizio DVB-T che "riserva poche righe dedicate al DAB".
"Viene specificato che, in funzione dell’utilizzazione delle frequenze VHF per il servizio DVB-T nelle differenti aree tecniche, le frequenze 6, 7, e 10 sono utilizzabili per il DAB, fino ad un massimo di due frequenze per area tecnica, alle quali si aggiunge la frequenza 12, esclusivamente dedicata al DAB e la porzione del canale 13 che potrà essere resa disponibile a seguito delle negoziazioni avviate con il Ministero della Difesa", ricorda la Federazione Radio Televisioni. "A prima vista l’assegnazione di queste frequenze potrebbe far supporre che siano in linea con quanto prevede il Regolamento per Il digitale radiofonico che fissa in 14 blocchi le risorse necessarie per l’avvio dei mercati del DAB. In realtà siamo di fronte all’ennesima sottovalutazione delle esigenze di sviluppo del settore radiofonico, poiché di fatto occorre prendere atto che non ci sono le frequenze per avviare, in modo generalizzato, il servizio DAB", chiosa la FRT. "Infatti sono disponibili tre blocchi del canale 12, il quarto in modo molto parziale per i coordinamenti internazionali; il canale 7 utilizzabile alternativamente con il canale 6 è assegnato al servizio nazionale TV e utilizzabile per il DAB in modo estremamente ridotto solo in alcune aree tecniche di scarso interesse per la radiofonia; il canale 10 in molte aree tecniche è assegnato ad Europa 7 in alternativa alle frequenze in banda UHF assegnate con l’accordo procedimentale". "Da ultimo - conclude l'ente esponenziale - la vaga promessa di assegnazione di una porzione del canale 13 presenta notevoli difficoltà, poiché a)incontra resistenze da parte del Ministero della Difesa; b) occorre modificare il piano di ripartizione per avere l’utilizzo delle frequenze disponibili (massimo due) in via principale; c) è necessario eliminare le notevoli interferenze che il canale 13 ha con altri servizi. Come si può facilmente constatare senza frequenze il DAB non può decollare ed il Regolamento per il digitale, tanto elogiato da più parti, non può esplicare i suoi effetti, con particolare riguardo agli artt. 12 e 13".
 
06/07/2010 20:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).