Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
FRT su Audiradio: “drastiche soluzioni per migliorare la governance”
La Federazione Radio Televisioni interviene in merito alla staticità di Audiradio vittima delle colorite contrapposizioni, esprimendo la necessità di una svolta secca al fine di riequilibrare la governance.
La necessità di ribilanciamento è più che mai riferita alle partecipazioni detenute storicamente, e al consolidamento di una coerenza estesa anche ai soci prima non rappresentati. La ratio è imperniata al raggiungimento di un’equa ripartizione del capitale sociale capace di riflettere i benefici sul funzionamento stesso degli organi di gestione. La FRT guarda al futuro di Audiradio attraverso una prospettiva di parificazione della dignità dei soci, attraverso la rimozione dei vincoli e divieti al libero formarsi delle maggioranze di voto e l’allargamento del consiglio di amministrazione. Dello stesso avviso è Mario Volanti, presidente di Radio Italia, il quale palesa la necessità di riformare Audiradio partendo dalla governance. La posizione del patron di Radio Italia - espressa in una lunga intervista pubblicata nei giorni scorsi dal quotidiano Italia Oggi - neutrale rispetto alle preferenze dei metodi di rilevazione, implicitamente intende “fermare” la fumosa e chiassosa oscillazione tra i metodi Cati e Diari, e mettersi nelle mani dell’investimento seppur ingente, purché sia orientato all’adozione di regole garanti di trasparenza e imparzialità. Vi è l’impressione che per mantenere in vita la società sia indispensabile una correzione che rimanga sempre meno vincolata al passato e alla tradizione, per sposare una logica all’investimento e alla ricerca autorevole. Perciò se si deve fare tabula rasa, è conveniente farlo attraverso proposte di una diversa organizzazione delle indagini: un Cda diverso, che a parere della FRT, assomigli a quello di Auditel. Il coraggio di proporre una tale decisa riforma nasce dal congelamento dell’attività di indagine, una situazione che ha sete più che mai di una sana rivoluzione, che abbia però come priorità l’equilibrio tra i soci, l’imparzialità, ma soprattutto la rinascita dell’attività motore di Audiradio. (C.S. per NL)
22/03/2011 18:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Inizieranno dall’ormai vicino 2017 i lavori della nuova Audiradio, l’istituto di rilevazione degli ascolti radiofonici che nasce dalla collaborazione fra gli editori nazionali e locali del settore.
Sono stati pubblicati oggi i dati relativi al 1° semestre 2016 dell'indagine d'ascolto Radio Monitor dell'istituto Eurisko, allo stato l'unica ricerca sull'audience radiofonica (metodo CATI da 120.000 casi).