Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Gara 4G, incasso totale sale a 3,9 mld di euro. Operatori in lizza per le frequenze 1800 e 2600 MHz

Attenzione: per visualizzare la notizia è necessario abbonarsi al S.I.T. di Consultmedia.

Per informazioni sulle modalità di abbonamento clicca qui.

24/09/2011 06:17
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Con l’ufficializzazione della tabella di marcia per la liberazione della banda 700 MHz, che gli operatori televisivi dovranno cedere alle telco in vista delle connessioni 5g diventa attuale la problematica relativa alla nuova collocazione dei mux televisivi, ancora lontana dall’essere risolta.
Tempi certi, ma solo per finta: così si può riassumere la relazione approvata dalla commissione industria del parlamento europeo e redatta dalla vicepresidente Patrizia Toia e che, sostanzialmente, chiede la possibilità di ritardare le tempistiche previste dall’Unione per la cessione delle frequenze della banda 700 MHz dalle televisioni alle telco.
Il Governo ha bisogno di soldi e per ottenerli pensa di proporre al Parlamento l'inserimento nella nuova legge di bilancio di una delega legislativa per la predisposizione di una asta competitiva per l'assegnazione di frequenze per il potenziamento della telefonia 4G.
L’Italia deve predisporre urgentemente, senza perdere altro tempo, un piano preciso per “consentire la transizione delle frequenze 700 Mhz ai servizi di comunicazione a larga banda senza fili anche con l’orizzonte al 2022”.