Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Generazione digitale, il 38% dei bambini sotto i due anni usa tablet o smartphone. A 8 anni sono il 72%
Bambini sempre più digitali. Quasi uno su cinque ha usato tablet o smartphone prima ancora di essere in grado di pronunciare una frase compiuta.
Lo rivela, come si legge su 'Mashable', uno studio di Common Sense Media, organizzazione non-profit di San Francisco. Dalla ricerca emerge che il 38% dei bambini sotto i due anni d'età ha usato un dispositivo mobile per giocare, guardare video o compiere altre attività. Nel 2011 invece solo il 10% l'aveva fatto. All'età di 8 anni il 72% dei bambini ha usato smartphone, tablet o dispositivi simili. ''E' il chiaro segnale che la generazione digitale è arrivata'', ha commentato Jim Steyer, fondatore e Ceo di Common Sense Media, interpellato da Mashable. Lo studio rivela che i dispositivi mobili tra i bambini sono in rapida crescita, soprattutto se confrontati con gli altri media. La televisione resta stabile, con il 66% dei bambini sotto i due anni tra gli spettatori sia nel 2011 sia nel 2013. L'uso del computer è cresciuto dal 4 al 10% nell'arco dei due anni considerati. Si registra invece il declino del dvd, passato dal 52% del 2011 al 46% del 2013. Aumenta anche il tempo trascorso davanti a tablet e smartphone: nel 2013 i bambini da 0 a 8 anni passano circa 15 minuti al giorno usando un dispositivo mobile, nel 2011 erano solo 5. ''Stiamo osservando un cambiamento fondamentale nel modo in cui i bambini usano i media'', dice Steyer. ''I bambini che non possono ancora parlare si avvicinano allo schermo della tv e cercano di utilizzarlo come se fosse un iPad o un i Phone''. Secondo Steyer l'incremento dell'uso dei dispositivi mobili da parte dei bambini ha pro e contro. I tablet, spiega, possono essere grandi strumenti educativi, ma abusarne e usarli come se fossero una babysitter virtuale, avverte, può causare danni allo sviluppo. (Adnkronos)
28/10/2013 14:08
 
NOTIZIE CORRELATE
Ottimi riscontri per i canali di Boing Editore (Boing e Cartoonito, nati dagli accordi tra Turner e Rti Mediaset) che chiudono il 2016 con la best performance di sempre in termini di ascolti, secondo quanto dichiarato da una nota diffusa lo scorso 27 gennaio.
C’è la mamma, c’è il papà e c’è la televisione: l’educazione familiare si confonde con l’intrattenimento, dando fiducia ai programmi televisivi, ormai padroni del tempo dei bambini.
Fare della Carta di Treviso, il codice deontologico sottoscritto in Italia nel 1990, un modello per disciplinare, a livello mondiale, la tutela dei minori nell’attività giornalistica.
Il presidente dell' Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, Corrado Calabrò, porrà domani l'adozione di misure che tutelino i bambini da 0 a 3 anni dai rischi della fruizione passiva dei programmi televisivi.
In riferimento alla notizia del lancio dal prossimo mese di agosto su SKY di un canale dedicato ai neonati e ai bimbi di età inferiore ai 3 anni il Moige – Movimento Italiano Genitori chiede che venga tutelata in primis la salute dei bambini.