Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giornalismo, caso Yara: Garante privacy, basta accanimento informativo
Il Garante per la privacy ha per l'ennesima volta riscontrato la tendenza di numerose testate giornalistiche a diffondere informazioni e particolari - anche di natura sensibile e addirittura genetica - inerenti soggetti interessati soltanto indirettamente e marginalmente da vicende giudiziarie che hanno avuto una notevole eco nell'opinione pubblica.
L'Autorità ritiene "assolutamente necessario richiamare tutti i mezzi di informazione al massimo rispetto del principio di essenzialità della notizia pubblicata - uno dei cardini del Codice della privacy e dello stesso Codice deontologico dei giornalisti - che comporta un'attenta, accurata e seria verifica preventiva riguardo alla reale indispensabilità della diffusione di dati personali relativi a soggetti coinvolti solo in via mediata dalle vicende di cronaca. Neppure il rilevante interesse pubblico legittima l'accanimento informativo intorno agli aspetti più intimi della persona tale da determinare irreparabili danni nella vita familiare e di relazione". (E.G. per NL)
20/06/2014 08:46
 
NOTIZIE CORRELATE
Non si placano gli animi dei giornalisti romani dipendenti di Mediaset, preoccupati per un ridimensionamento della sede del Tg5. Solo pochi giorni fa l’incontro tra i vertici del Biscione e i sindacati del settore sembrava aver fugato dubbi e timori circa un intervento sulla sede capitolina.
Nel corso di una verifica ispettiva dell’INPGI svoltasi nel 2013, è stato rilevato che l’attività di alcuni giornalisti, consistita nel confezionamento di notizie e nel coordinamento di oltre 400 blogger, era da considerarsi, a tutti gli effetti, attività giornalistica.
Luca Svizzeretto, giornalista del quotidiano Nuovo Oggi e speaker dell'emittenza locale capitolina è morto a soli 38 anni a causa di complicazioni dovute alla malattia di Crohn.
Anche il Papa e' stato informato della morte a Cracovia, dove era inviata per la Gmg, Anna Maria Jacobini, giornalista di "A sua immagine".
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.