Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giornalisti. Fnsi: Maroni chiarisca su cronista bloccata da scorta
La Federazione nazionale della Stampa italiana chiede chiarimenti al ministro dell'Interno Roberto Maroni sulla cronista di Sky curata in ospedale dopo essere stata oggetto delle attenzioni delle forze dell'ordine nel corso della visita dell'esponente leghista nel capoluogo partenopeo.
"Suscita grave sconcerto e richiede rapido chiarimento e scuse - si legge in una nota del sindacato dei giornalisti - l'atteggiamento della polizia del ministro Maroni che, con una azione di 'bloccaggio' incomprensibile, ha procurato danni a una collega di Sky Tg 24, impedendole peraltro l'attività professionale". "La Fnsi - prosegue il comunicato - esprime la piena solidarietà alla collega e ricorda che dalle autorità di pubblica sicurezza ci si attende non solo che proteggano, giustamente, le autorità, ma che assicurino le condizioni per il corretto esercizio del diritto di cronaca dei giornalisti, professionalmente impegnati a essere testimoni, non vittime, né fomentatori di disordine". (Apcom)
 
28/09/2010 18:34
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
I giornalisti del dipartimento emittenza locale della Fnsi sono preoccupati per il ritardo con cui il governo sta procedendo ad emanare i decreti attuativi della riforma dell’editoria. «Il ministero sblocchi i contributi 2015, il cui mancato riconoscimento mette a rischio l’occupazione in numerose aziende», chiedono.