Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giornalisti: il vigore il nuovo Regolamento per la Formazione professionale continua (FPC)

Dal 1° giugno 2016, è operativo il nuovo Regolamento per la Formazione professionale continua (FPC) dei giornalisti italiani. Il testo (atteso e annunciato nei giorni scorsi) è stato pubblicato nel Bollettino Ufficiale del Ministero della Giustizia n. 10 del 31 maggio 2016.
Questo nuovo Regolamento razionalizza e semplifica le precedenti disposizioni, con modifiche che hanno accolto anche alcune esplicite proposte avanzate de altre esigenze evidenziate nel corso della prima applicazione del sistema formativo introdotto dal 1° gennaio 2014. Ecco le novità più importanti e, in sintesi, le principali norme sulla Formazione: • i crediti in deontologia da acquisire nel triennio devono essere almeno 20 (sul totale di 60) e non più 15 (art. 2); • corsi online: tutti i 60 crediti formativi del triennio possono essere acquisiti anche esclusivamente con i corsi online. E’ infatti stata eliminata la precedente norma che poneva il limite di 30 crediti per la formazione a distanza (art. 2); • gli iscritti all'Albo da più di 30 anni che svolgono attività giornalistica a qualsiasi titolo sono tenuti all’obbligo di formazione solo per l'acquisizione dei 20 crediti deontologici triennali (art. 2); • l’unità di misura dei crediti formativi è esclusivamente di 1 ora = 1 credito, fino a un massimo di 8 crediti a evento (art. 2); • i corsi di deontologia per i quali sono previsti 2 crediti aggiuntivi, oltre a essere gratuiti, devono essere interamente ed esclusivamente dedicati alla deontologia, al Testo unico della Carta dei doveri del giornalista o alle allegate Carte deontologiche di riferimento (art.2) • corsi aziendali: le aziende che intendono svolgere attività di formazione per i propri dipendenti devono preventivamente presentare richiesta al Consiglio dell’Ordine regionale, per un massimo di 7 crediti a evento e di 30 nel triennio (art 6); • l'assunzione di cariche elettive che prevedono la possibilità di aspettativa dal lavoro è motivo di esonero temporaneo dall’obbligo di formazione, solo e limitatamente per la durata del mandato (art. 11); • è possibile richiedere il riconoscimento anche di eventi formativi individuali (riconosciuti dal Cnog, il Consiglio nazionale dell’Ordine) fino a un massimo di 6 crediti nel triennio (art. 3); • l’insegnamento di materie riguardanti la professione in corsi o Master (riconosciuti dal Cnog) equivale sempre a 1 credito l’ora, fino a un massimo di 16 crediti nel triennio; • per i nuovi iscritti all’Ordine in corso di triennio, il credito formativo e la relativa tipologia sono riproporzionati in ragione d'anno (norma transitoria art. 2); • esenzioni: sono esentati dall’obbligo formativo coloro che sono un quiescenza, a condizione che non svolgano alcuna attività giornalistica (art 2); • i crediti eccedenti maturati nel triennio non possono essere computati nel triennio successivo (art. 2); • non è più prevista la possibilità di acquisire crediti formativi attraverso la pubblicazione di libri, indipendentemente dall’argomento trattato. (E.G. per NL)
04/06/2016 07:06
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
Esiste ancora, nell’ambito giornalistico, una disparità di trattamento retributivo legata al genere di appartenenza. Questo, almeno, è il dato evidenziato da un articolo pubblicato sul sito di INPGI notizie intitolato “8 marzo/Le giornaliste continuano ad essere penalizzate”.
Le novità in tema di pensioni per i giornalisti non finiscono con la riforma dell’Inpgi: dal 1 gennaio 2017 è in vigore il cumulo gratuito dei contributi.
Approvata la nuova riforma pensionistica per l’Inpgi, ma non cessano le voci di protesta e i timori sul futuro dell’Istituto. La riforma, che ha ricevuto il placet di Ministero del Lavoro e Ministero dell’Economia, si è resa necessaria perché i conti in rosso dell’ente ne facevano presagire, nel giro di pochi anni, la chiusura o l’assorbimento nella cassa Inps.