Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Giornalisti. Ordine: grave aggressione a Giulio Delfino a partita Lazio-Napoli. Solidarietà al radiocronista della RAI. Regolamentare tribune stampa
Il Consiglio nazionale dell'Ordine dei Giornalisti denuncia la «grave aggressione» subita dal collega della Rai Giulio Delfino durante la radiocronaca di Lazio-Napoli di sabato scorso.
Una persona senza titolo ha avuto accesso in tribuna stampa allo stadio Olimpico e ha afferrato il microfono di Delfino urlando in diretta insulti ingiustificabili. «L'Ordine dei Giornalisti - ha detto Guido D'Ubaldo, coordinatore del Gruppo di Giornalismo sportivo - stigmatizza il comportamento dell'ufficio stampa della Lazio, che non ha vigilato sull'accesso alla tribuna stampa, all'interno della quale gli steward non sono intervenuti per allontanare l'aggressore. È evidente che l'accesso nelle tribune stampa deve essere regolamentato in maniera più rigorosa e diversa da quella attuale». Per questo motivo il Consiglio nazionale dell'Ordine sollecita nuovamente le Leghe di serie A e di serie B a stipulare l'accordo per la regolamentazione dell'accesso nelle tribune, come è già avvenuto con la Lega Pro. Sui campi di quei campionati la situazione all'interno delle tribune stampa è nettamente migliorata. Al collega Giulio Delfino va la solidarietà del Consiglio nazionale dell'Ordine dei Giornalisti. (ANSA)
 
 
 
10/04/2012 18:38
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
Lo scorso 17 marzo il consiglio dei Ministri ha approvato in via preliminare il decreto legislativo “che prevede disposizioni per l’incremento dei requisiti e la ridefinizione dei criteri per l’accesso ai trattamenti di pensione di vecchiaia anticipata dei giornalisti e per il riconoscimento degli stati di crisi delle imprese editrici, in attuazione della legge 26 ottobre 2016, n. 198” (Comunicato stampa ufficiale del Consiglio dei Ministri).
La “ricongiunzione” consente – a chi ha versato contributi in gestioni previdenziali diverse – di accentrare tutti i periodi assicurativi presso un unico ente, al fine di ottenere un’unica pensione. Le contribuzioni sono materialmente trasferite da ente ad ente.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.