Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Google. Innovazioni tra Italia e Germania: traffico in tempo reale e Street View
L'estate di Google ha riservato qualche sorpresa interessante a noi italiani. Proprio mentre pensavamo che tutti fossero in vacanza, il team di Google Maps Italia ha pubblicato e reso funzionante il servizio di traffico in tempo reale sulle proprie mappe, come già fatto per altre città e tratti autostradali nel mondo anglosassone (New York e Los Angeles prima, Londra poi).
In sostanza, consultando il predetto servizio di mappe online e cliccando sul tasto "traffico" (in alto a destra) è possibile visualizzare lo stato del traffico autostradale nei principali tratti italiani: la strada segnalata in verde indica una situazione di traffico scorrevole; il giallo segnala qualche rallentamento generico; il rosso code e intoppi, da imputare a varie ragioni (se possibile segnalate, sempre in tempo reale, proprio nel tratto di stada dove il rallentamento è più evidente). Inoltre, Google Maps contiene un software capace di stimare il traffico stimato per la data che l'utente deciderà di inserire nel sistema, facendo un calcolo sulla base dei record registrati precedentemente sullo stesso tratto stradale o autostradale. Si tratta di matematica pura, ma non è detto che non possa risultare veritiera, soprattutto nei periodi feriali, dove notoriamente il traffico è più intenso e, ovviamente, più regolare. Quanto invece ai vicini tedeschi, il colosso di Mountain View sarebbe pronto ad avviare l'applicazione Street View anche in territorio germanico. La partenza del servizio sarà però sicuramente rallentata dalla determinazione del cancelliere Merkel, pronta a difendere i propri cittadini da un sistema troppo spesso invasivo e capace in molteplici mode e forme di ledere la privacy dei cittadini. Dall'azienda della grande G ci si difende rispondendo che non sarebbe giusto limitare la disponibilità di immagini in Germania, perchè i tedeschi hanno comunque la libertà di visualizzare località turistiche dei paesi limitrofi o confinanti. Perchè non garantire lo stesso anche a chi volesse visitare la Germania? Difesa un po' debole, bisogna ammetterlo. Ma non c'è dubbio sul fatto che Google la spunterà anche questa volta. Basta avere un po' di pazienza. (M.M. per NL)
12/08/2010 16:27
 
NOTIZIE CORRELATE
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
La pubblicità digitale è quasi totalmente in mano a Google e Facebook che costituiscono una sorta di duopolio in questo fiorente settore.
Attraverso un post sul blog aziendale firmato da Kent Walker, vice presidente di Google, l’azienda di Mountain View risponde alla Commissione UE: per loro non c’è alcun abuso di posizione dominante.
Dopo Google, anche Apple lancia la sua idea per innovare il piccolo schermo: si chiama "Tv", un’applicazione che, come il set top box di Mountain View, mira a creare, come dice il ceo Tim Cook (foto), “un unico posto in cui accedere a tutti i vostri show tv e ai film”.