Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Google Tv Ads. Sintonizzare il telespettatore è la prossima sfida per gli inserzionisti
Navigando su internet è sempre più semplice conoscere le preferenze di un internauta. Le indicazioni salvate nei cookie di ogni pc permettono di conservare preziose informazioni sui siti abitualmente consultati dagli utenti. Allo stesso modo è possibile tracciare un profilo piuttosto preciso su ciò che per un navigante può essere più rilevante, analizzando la quantità e la destinazione dei propri clic nella rete. Immaginiamo ora – come hanno fatto gli autori del blog ufficiale di Google – che la tv possa essere interpretata come il web. Se c’è modo di studiare i clic di un internauta, è altrettanto possibile spiegare come il telespettatore digiti sul proprio telecomando. Per chi non lo sapesse infatti, ogni settimana EchoStar (partner di Google) analizza i dati di milioni di set-top box in via del tutto anonima, registrando secondo per secondo su quale canale televisivo il telespettatore è sintonizzato. Ciò permette di comprendere quali siano gli spot più attraenti per l’abbonato, considerando per quanto tempo ci rimane sintonizzato. Tale sistema permette a Google di confezionare report sulle indagini effettuate, già a partire dal giorno successivo a quello della raccolta dati dai predetti set-top box. Naturalmente sono molti gli inserzionisti interessati ad aver un riscontro immediato su quale sia l’indice di gradimento dei propri spot televisivi e soprattutto su quale sia il momento migliore della giornata per trasmetterli a seconda dell’emittente su cui avverranno i passaggi. Motivo per cui la società di Mountain Wiev ha scelto di offrire a chiunque la possibilità di gestire automaticamente e autonomamente la propria campagna pubblicitaria direttamente dal web. Si chiama Google Tv Ads ed è un sistema che consente all’inserzionista di organizzare costi e tempi della propria campagna pubblicitaria, scegliendo preventivamente il target (età, sesso, professione e interessi), la disponibilità di budget giornaliera e tanti altri dettagli necessari ad un’attenta personalizzazione di tutta l’operazione. Dopodiché, una volta scelti i parametri a cui la propria campagna dovrà rispondere è possibile anche creare il proprio spot, comprarne tra quelli pubblicati online da professionisti o caricarne (tramite upload) di propri. Il tutto avviene online, attraverso un sistema che permette non solo di migliorare la qualità del tempo del proprio lavoro (organizzare una campagna pubblicitaria online è sicuramente più veloce che farlo nel modo tradizionale), ma anche di trasformare il telespettatore in un utente il cui comportamento può essere analizzato più facilmente, con l’obiettivo di avvicinare la televisione alle metodiche inserzionistiche di internet, dove Google, naturalmente, non ha rivali. “Sintonizzare” il telespettatore diventa quindi la prossima sfida degli inserzionisti, che si affidano al pioniere della veicolazione dell’ad online – Google – per ottimizzare le proprie campagne pubblicitarie televisive. Ma la tv diventerà mai davvero come il web? (Marco Menoncello per NL)
08/05/2009 08:11
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Secondo uno studio dell’ufficio Ricerca&Studi di Mediobanca, dopo un quinquennio di flessione, tornano a crescere in Italia i ricavi dei principali gruppi televisivi.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.