Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Haiti, terremoto: riprende le trasmissioni anche la radio dell'ONU
Anche Minustah FM, la radio dell'Onu ad Haiti, ha ripreso a trasmettere, grazie alla collaborazione di Radio France e TDF (Telediffusion de France), dalla sua sede situata nei pressi dell'aeroporto di Port-au-Prince.
In queste ore i tecnici francesi sono impegnati a riparare le grandi antenne dell'emittente che si trovano sulle colline intorno alla città, prestando nel contempo preziosa collaborazione alle diverse altre radio fuori servizio, allo scopo di favorirne la ripresa dei programmi. Intanto si prende atto con piacere che i sei trasmettitori di Rfi (Radio France Internationale) funzionano ancora. In una situazione in cui solo qualche stazione radio ha potuto continuare a trasmettere, fra le decine che sono state distrutte, l’opera dei tecnici francesi appare essenziale, non solo perché la radio è il mezzo di comunicazione dominante ad Haiti, ma anche per il fatto che con la catastrofe il bisogno d'informazione è divenuto vitale. (Ruggero Righini per NL)
19/01/2010 22:25
 
NOTIZIE CORRELATE
Iniziano a delinearsi le necessarie misure di austerità per l’emittente francese guidata da Mathieu Gallet: urge tenere nelle tasche 50 milioni entro il 2019, per poter continuare a operare con un budget annuale di 664 mln di euro.
Dopo Europe 1 e Rtl, anche France Inter e France Info (le emittenti della radio pubblica d’Oltralpe) si lanciano sulla “radio visiva aumentata”, termine coniato dal neo presidente Mathieu Gallet.
La cura Mathieu Gallet (ricordiamo ai nostri lettori che dallo scorso 14 maggio si è insediato nell’emittente statale come Ceo e presidente) non pare aver portato - per ora - buoni risultati: all’orizzonte si prevedono nuovi tagli pari a 1,5 mln di euro.
Il WFP (World Food Programme, Programma Alimentare Mondiale) ha lanciato, ad Haiti, una operazione di emergenza per fornire assistenza alimentare a 2 milioni di persone.
Ad Haiti, tra mille, immaginabili, difficoltà, alcune emittenti hanno ripreso una programmazione in qualche modo regolare dopo il devastante terremoto.