Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
I giornali su iPad e tablet pc. Fine di un'epoca e inizio di una nuova?
Non si sa ancora se e quanto l'iPad e le altre tablet pc faranno guadagnare ai quotidiani, ma è certo che le nuove tecnologie dilagano nell'editoria tradizionale a macchia d'olio.
Per dare un'idea della loro crescente diffusione  basti pensare che Apple in tre mesi, da aprile a giugno scorso, ha venduto più di tre milioni di unità e ha avuto grossi introiti pubblicitari (dovuti agli investimenti effettuati dai grandi e piccoli gruppi editoriali) grazie alla campagna di marketing che ha lanciato il prodotto come lo strumento che avrebbe potuto salvare il mondo della carta stampata in crisi per via della crescente diffusione dell’informazione telematica. Su incarico della Next Issue Media, un consorzio conposto da cinqe grandi gruppi editoriali quali Condè Nast, Meredith, News Corporation, Time inc e Hearst, la Oliver Wyman (società di consulenza strategica) ha redatto un paper in cui si evince che se l'iPad continuerà a diffondersi a livelli elevati come quelli di questi ultimi mesi farà guadagnare al mondo dell'editoria americana, di qui a quattro anni, più di un miliardo di dollari. A condizione che quest'ultima provveda ad adattare il prodotto editoriale alle nuove tecnologie digitali. Sempre secondo lo studio (riportato da il Sole 24 Ore) "la chiave resta il prodotto, la capacità delle aziende editoriali di trasformarsi, di riorganizzare il lavoro redazionale, di mettersi in discussione. La semplice riproduzione della rivista cartacea in formato digitale o la riproposizione web del prodotto fisico non ha futuro. Non è quella strada. I giornali su iPad dovranno essere interattivi". Il Wall Street Jurnal, il Financial Times, il Times londinese e Usa Today sono già in versione tavoletta: il contenuto dell’articolo è identico, ma la versione digitale è interattiva, aggiornata, ricca di contenuti extra e modellata sulle dimensioni e potenzialità della tavoletta di Steve Jobs. In Italia, invece, la versione tablet scelta dalle case editoriali ricalca semplicemente quella cartacea, con l'unica differenza che le pagine sono in formato pdf e con l'aggiunta di qualche contenuto multimediale come foto video, gallerie fotografiche e link a blog. Solo La Stampa ha creato un layout appositamente per iPad anche se ancora poco interattivo con l'utente. A breve anche Il Sole 24 Ore sbarcherà sulla tablet pc della Apple con "La Vita Nova", applicazione creata appositamente in versione digitale per sfruttare al meglio le potenzialità della tavoletta per l'inserto Nòva 24. (M.C. per NL)
12/09/2010 06:51
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.