Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il Fatto Quotidiano viaggia con vento in poppa. Ottimi risultati in edicola e boom di abbonamenti online. È il giusto mix per il futuro dell’informazione?
La premiata ditta Padellaro&Travaglio ha colto nel segno. Perlomeno così pare, a giudicare dai dati, inequivocabili, riguardanti le vendite in edicola e la quota d’abbonamenti online.
Nato da un progetto un po’ visionario di uno sparuto gruppo di giornalisti bravi, scomodi e incazzati, Il Fatto Quotidiano, nelle edicole dallo scorso 23 settembre, si sta rivelando un’idea azzeccata, una mosca bianca all’interno del cupo e poco dinamico settore dell’editoria quotidiana. Antonio Padellaro, Marco Travaglio, Peter Gomez, Luca Telese, Marco Lillo ed una redazione di giovani arrembanti hanno dato vita ad un prodotto che, approfittando del clima politico e toccando i tasti giusti (quelli che altri si guardano bene dal toccare), è divenuto in breve un vero e proprio fenomeno editoriale, una scommessa riuscita. La scommessa, appunto, era quella di coprire un buco, di rispondere a delle esigenze, di posizionare un prodotto, per natura obsoleto, in uno spazio politico, informativo ed emotivo scoperto. Un giornale contro Berlusconi pensano i più. Un giornale contro, sarebbe probabilmente più giusto affermare. Un giornale che, pur collocandosi inequivocabilmente a sinistra e pur sottraendo copie ai classici giornali della sinistra, è nato con l’obiettivo di tirarsi fuori dai giochi di potere, dalle logiche di coalizione, dalle dinamiche editoriali (importante), per fare informazione semplice, spregiudicata, antipolitica. Il Fatto Quotidiano attacca Berlusconi ed il governo, certo. Attacca, quando c’è da attaccare, anche l’opposizione ed i suoi governi territoriali (vedi giunta regionale della Campania), tralascia l’informazione pop, i casi di cronaca nera di cui si cibano a piene mani i telegiornali e gran parte dei quotidiani, privilegiando la cronaca giudiziaria e percorrendo una strada che la popolarizzazione della politica, l’interesse che il cittadino medio ha iniziato ad assumere per scandali e vicende legali che riguardano gli esponenti politici, gli ha permesso d’abbracciare un bacino d’utenza ampio, pur offrendo un’informazione per certi versi più difficile da decifrare. Se prima nei bar di provincia, ad esempio, era raro ascoltare discorsi che non riguardassero il calcio, oggi la tendenza assunta dalla politica italiana ha fatto sì che nei bar si parli anche di scandali, di processi, di magistrati e di sentenze. Certo, è una delle conseguenze dell’avvicinamento, per certi versi pericoloso, tra politica, informazione popolare e televisione commerciale. Come dire, Berlusconi che se l’è andata a cercare. Approfittando di questo nuovo orientamento, quelli del Fatto hanno lanciato la loro scommessa: perché non sfruttare il trend d’interesse per queste tematiche e tentare di far ragionare la gente in maniera un po’ più approfondita? Posizionamento, qualità e mancanza d’un editore vero e proprio è il giusto mix che ha permesso a Padellaro e soci si raggiungere questi risultati: 132 mila copie al primo numero (esaurito dalle prime ore del mattino praticamente in tutt’Italia), 137 mila (record) al secondo, 125 mila al terzo. Una media superiore alle 100 mila copie nel mese di settembre, leggermente più bassa (c’era da attenderselo) ad ottobre, dove comunque tocca il picco di 133 copie diffuse nel giorno della bocciatura del lodo Alfano, fino ad assestarsi intorno alle 60 mila copie nel mese di novembre. Cui vanno aggiunti i 40 mila abbonati online. Una giusta combinazione, quindi, tra informazione cartacea, la vecchia, tradizionale, superata carta stampata e l’informazione online, quel mostro a tre teste in procinto di fagocitare definitivamente il feticcio cartaceo per sostituirlo con una schermata su un computer portatile. Non va dimenticato, però, che al di là della lungimirante decisione di puntare molto sull’edizione virtuale, Il Fatto in edicola vende ben più de L’Unità, giornale storico della sinistra ex comunista e continua a rubar copie ai concorrenti dell’area di sinistra ed extra parlamentare (oltre al giornale diretto da Concita De Gregorio, il Manifesto e Liberazione). Nonostante il suo prezzo in edicola sia più alto degli altri: 1,20 euro, che ripagano – in parte – l’assenza di contributi pubblici per l’editoria e l’assenza di un ben definito editore, nonostante il recente ingresso nella quota azionaria della società di Aliberti editore, con il 16,6% (stessa quota detenuta dal direttore Padellaro e doppia rispetto al 8,3% in mano a Marco Travaglio). (Giuseppe Colucci per NL)
25/11/2009 16:38
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.