Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il futuro dell’informazione secondo Murdoch: un nuovo quotidiano digitale studiato per l’iPad e i suoi simili
A dispetto di quanti pensano a lui come un “dinosauro” appartenente al mondo dei vecchi media, Rupert Murdoch si appresta a muoversi da par suo anche in quella che sembra essere la prospettiva di sviluppo più promettente nel campo della comunicazione in rete, ovvero l’internet in mobilità.
Ovviamente lo “Squalo” punta verso gli scenari che più si avvicinano alla sua filosofia di business, ovvero i servizi a pagamento. Dimostrato già qualche tempo fa un certo interesse per l’Apple iPad e simili dispositivi per l’accesso mobile alla rete, definiti come la vera rivoluzione delle comunicazioni moderne, ora il magnate di News Corp. ha deciso di lanciare la sua offensiva nel settore creando un quotidiano digitale che sarà distribuito (a pagamento, com’è ovvio) esclusivamente su tabletPC e smartphone. Dunque non un’operazione di “conversione” dal cartaceo all’online, che molti stanno tentando con alterne fortune, ma la progettazione di un “format” completamente nuovo, ideato per la rete e per un target di giovani navigatori in mobilità. Proprio a questa potenziale platea di “web-addicted”, connessi 24 ore su 24 e immersi in un flusso informativo continuo e caotico, si rivolgerà il nuovo giornale, che sarà espressamente costruito su storie brevi, vivaci e rapidamente assimilabili. Un modello d’informazione usa-e-getta che già si sta affermando come vincente sul web, proprio in virtù delle modalità di fruizione tipiche degli utenti della rete mobile, che presuppongono accesso rapido alle notizie e scarsa propensione all’approfondimento. Sarà da verificare quanto la filosofia “pay” del prodotto sarà apprezzata da utenti che sono comunque già in grado di usufruire di fonti di informazione gratuite e liberamente accessibili. Ponendo alle spalle del proprio progetto l’organizzazione collaudata e affidabile del New York Post e dell’agenzia Dow Jones, che produrranno i contenuti poi “adattati” da un’apposita redazione, Murdoch sarà comunque in grado di fornire un valore aggiunto al proprio servizio: la (presunta) affidabilità. Cosa che potrebbe essere apprezzata nel mondo del web gerarchizzato solo dai criteri non molto trasparenti dei motori di ricerca e degli aggregatori. Vedremo se ciò sarà sufficiente a decretare il successo della nuova “creatura”, il cui esordio è previsto entro la fine dell’anno. (E.D. per NL)
17/08/2010 11:36
 
NOTIZIE CORRELATE
News Corp chiude in perdita il suo secondo trimestre fiscale: determinanti gli oneri dovuti alle attività australiane connesse alla stampa. Il gruppo editoriale di Rupert Murdoch che pubblica, tra gli altri, il Wall Street Journal e The Sun, ha rilevato un rosso di 219 mln di dollari nei tre mesi al 31 dicembre scorso contro i 106 mln del periodo omologo dell'anno precedente.
Perdite di 38,1 mln di euro per Sky Italia nei conti 2016 (almeno fino al giugno di quest’anno), sebbene con un fatturato in crescita che ha raggiunto 2,8 miliardi, di cui più dell’80% derivato dagli abbonamenti residenziali della pay tv.
Sky Italia ha chiuso il secondo trimestre dell’anno fiscale 2016 (30/06/2016), vedendo crescere gli abbonati (+17mila) e i ricavi (+13%), attestando l'utile operativo a 67mln di euro, in sensibile diminuzione (-11mln) rispetto allo scorso anno fiscale.
Ha il via anche in Italia, dal 24 giugno, il rebranding del servizio SVOD di Sky che diventa Now Tv, come già fatto nel Regno Unito nel 2012. L’obiettivo è offrire un servizio meno caro, aumentare i contenuti e proporli tutti in HD.
Il gruppo di Rupert Murdoch chiude il terzo trimestre con perdite per 131 milioni di euro a causa di un fatturato complessivo che cala del 7%. In positivo solo i servizi web in campo immobiliare.