Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il governo prosegue nel tentativo di sterminare le tv locali che occupano preziose frequenze. Ora vuole toglier loro 300 milioni di euro
Lupi (PDL): "Troveremo altri 300 mln siamo pronti a toglierli alle tv locali". L'incredibile affermazione è tratta dal titolo dell'articolo apparso ieri a pagina 4 del quotidiano La Repubblica, all'interno del quale il vicepresidente della Camera, Maurizio Lupi (foto), dichiara di essere pronto a “negare le risorse previste per le tv locali” al fine di recuperare i 300 milioni di euro del 5 per mille".
Il Presidente della Federazione Radio Televisioni – Filippo Rebecchini ha espresso la sua incredulità alla proposta di Lupi ed anche al fine di non avere contraccolpi al settore, già pesantemente colpito dalla digitalizzazione e dalla crisi generale, gli chiede di smentire la notizia apparsa su La Repubblica.  Il Presidente dell'Associazione tv locali FRT, Maurizio Giunco, ha dichiarato: "Lupi non sa di cosa sta parlando”.  Sull'argomento si è espresso anche il Presidente del Coordinamento Nazionale dei Corecom, Francesco Soro: “Mi auguro davvero che l'On. Maurizio Lupi sia stato frainteso, è certamente importante che il Governo si adoperi per recuperare le risorse dal terzo settore ma certo non è possibile che lo faccia a danno delle tv locali e delle migliaia di ragazze e ragazzi che lavorano ogni giorno con passione, sarebbe un errore gravissimo Il settore televisivo locale é una grande ricchezza culturale italiana che ha bisogno di essere sostenuta da tutto locali sono obbligate a fare fronte alla crisi a ai grandi investimenti resi necessari dalla transizione al digitale terrestre, non c'è certamente bisogno di indebolirle ulteriormente”.
23/11/2010 09:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.