Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il MSE-Com pubblica la revisione delle graduatorie per i diritti d’uso DTT in Toscana, Lazio e Campania
Nei giorni scorsi il Ministero dello Sviluppo economico ha proceduto alla revisione delle graduatorie per l’assegnazione dei diritti di uso delle frequenze della tv digitale terrestre delle regioni Toscana, Lazio e Campania. 
"La nuova graduatoria della Toscana, resa nota il 19 marzo u.s., è stata modificata a seguito dell’ordinanza n. 02207/2013 del Tar per il Lazio", spiega in una nota l'associazione Aeranti-Corallo. "Nella sostanza - prosegue l'ente esponenziale - rispetto alla graduatoria precedente, vengono modificate le posizioni n. 19, 20 e 21, mentre non vi sono state modifiche di posizione per i soggetti utilmente collocati (i primi 18 della graduatoria). In dettaglio, passa al diciannovesimo posto l’intesa di Tv1, Telecentro 1, Tele Liguria Sud e Retesole; al ventesimo posto sono collocate Antenna 5, Antenna 3 Massa e Linea 1; al ventunesimo posto Noi Tv, Teleidea, Rtu Aquesio e Primocanale". Il Ministero ha nel frattempo reso noto che nei prossimi giorni valuterà eventuali modifiche alle assegnazioni frequenziali secondariePer quanto riguarda le modifiche alle graduatorie di Lazio e Campania, rese note il 20 marzo u.s., le stesse sono state revisionate a seguito dell’esame delle osservazioni inoltrate dalle emittenti interessate e del recepimento di alcuni provvedimenti giurisdizionali. "In particolare - prosegue il sindacato - nel Lazio, dove le frequenze disponibili sono 17, la nuova graduatoria è stata modificata nelle posizioni dal 15 al 22. Al 15° posto è ora collocata Teleroma 56; al 16° posto (con il canale 32 Uhf) si collocano 7 Gold e Tv Sl 48 (quest’ultima presente anche al 14° posto con il canale 39 Uhf); al 17° (canale 35) Itr (collocata anche al 2° posto con il canale 34 Uhf), Napoli Canale 21 e Rete Televisiva Reatina; a seguire, al 18° troviamo Teleitalia 41, al 19° Teledonna, al 20° Telestudio, al 21° Super 3 e Teleobiettivo (che nella precedente graduatoria risultavano in posizione utile, al 17° posto); al 22°, infine, Napoli Tv, Extra Tv e Teletibur. Ricordiamo che Extra Tv risulta anche utilmente collocata al 14° posto con il canale 39 Uhf". In Campania vi sono state alcune modifiche nella seconda parte della graduatoria. Dettaglia ancora l'ente esponenziale: "In particolare, all’8° posto è collocata Napoli Canale 21; al 9° posto Videonola, Media Tv, Quarto Canale Telelaser e Tele Colore; al 10° posto vi è Canale 9; all’11° Telenostra, tv Oggi, Teleradio Buon Consiglio, Telebenevento e Media Tv; al 12° Julie Italia, Retesei, Telelibera 63 e 105 Tv; al 13° Canale Italia 84 e Italia 2; al 14° Telecapri". Dal 15° al 18° le posizioni sono rimaste immutate, mentre ci sono state ulteriori variazioni nelle posizioni a seguire (tutte non utili ai fini dell’assegnazione frequenziale). Il Ministero sta ora procedendo alla revisio-ne delle graduatorie di alcune altre regioni. (E.G. per NL)
25/03/2013 15:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.
I ritardi nell’erogazione delle misure di sostegno per le TV locali si accumulano come quelli di convogli nell’eventualità di un guasto ferroviario.