Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il nuovo mercato del lavoro in Italia. Genesi di una riforma
Il numero uno della multinazionale del lavoro Manpower Group in Italia studia, analizza e riflette sulla riforma in fieri del mercato del lavoro.
Una riforma, quella del governo Monti, attesa, combattuta, necessaria, per intervenire nella grave situazione di disoccupazione e inattività crescenti, introdurre maggiore flessibilità in entrata e in uscita, creare tutele, riequilibrare un sistema duale che privilegia le vecchie generazioni, lasciando ai giovani scarse possibilità di ingresso e nessuna tutela. Il nuovo esecutivo si è trovato ad affrontare scelte difficili, a cominciare dal nodo spinoso della flessibilità in uscita e da quelli della flessibilità in entrata e dei nuovi ammortizzatori sociali. Chissà se questa riforma raggiungerà gli obiettivi che si propone, si chiedono osservatori, studiosi e diretti interessati. È una sfida che ci riguarda tutti: aziende, cittadini, sindacati ed esponenti del mondo del lavoro, come spiega Stefano Scabbio, presidente e a.d. di Manpower Group, ne "Il nuovo mercato del lavoro in Italia - Genesi di una riforma", una agevole pubblicazione dell'editore Rubbettino (www.rubbettino.it), in vendita ad euro 9,00. (M.L. per NL)
 
 
07/05/2012 08:58
 
NOTIZIE CORRELATE
Il testo è un viaggio alla riscoperta del lavoro manuale. Dare forma all’intimità del proprio pensiero attraverso il lavoro delle mani e sentirsi liberi: anche di questo si nutre l’orgoglio del «saper fare» italiano.
E’ prorogato al 16 dicembre 2011 il termine concesso ai sostituti d’imposta per regolarizzare i versamenti degli importi per la detassazione dei premi di produttività, senza applicazione di sanzioni.
Il Tribunale di Milano ha dato ragione ad un pensionato che ha ricorso contro il regolamento dell’INPGI che pone limiti alla cumulabilità delle pensioni di anzianità con i redditi da lavoro dipendente o autonomo.
Sono finiti i tempi degli annunci sul giornale, in cui la penna spuntava meccanicamente trafiletti e offerte di lavoro: il mercato si affaccia sul web e attraverso i social network bussa alla nostra porta.
Il Consiglio dei Ministri del 9 giugno ha approvato in via definitiva il decreto legislativo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative e permessi dei dipendenti sia pubblici che privati.