Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Il successo di Otto FM (Varese). Il segreto? Cura dei dettagli, discrezione e tante rarità
La formula vincente della oldies lombarda dovrebbe far riflettere molti editori italiani
Sul mercato Otto Fm c’è da 33 anni, cioè da quanto, sul finire del 1974, venne attivato il trasmettitore 103,400 MHz da Sacromonte (Varese), che diede il nome a RSM (Radio Sacro Monte, poi anglicizzato in Radio Sound Music e quindi, negli anni ’80, variato in Reteotto, da cui discende il logo attuale), sicché non si può certamente dire che si abbia a che fare con radiofonici di primo pelo. Ciò nonostante, pur avendo riscosso negli anni ’80 un grandissimo successo, che continuò nei primi anni ’90, quando Reteotto divenne la prima radio italiana ad impiegare il satellite per la distribuzione in chiaro dei propri programmi, l’emittente, dopo aver abbandonato l’affollato format generalista, ha solo da qualche anno individuato un layout di programmazione che, coniugando semplicità a linearità, qualità musicale a cura dei dettagli di trasmissione, ha presidiato una nicchia di mercato rilevante sotto il profilo commerciale ed editoriale. Sembrerà banale, ma il format “solo musica degli anni ’80” (basato anche sul tradizionale impiego del numero “magico” 8, che ha sempre accompagnato la vita dell’emittente) senza conduzione, non certamente originale nel panorama radiofonico italiano, è riuscito ad essere personalizzato al punto da essere praticamente esclusivo. Come? Curando, si diceva, i dettagli: i brani musicali trasmessi, pur appartenendo a una playlist definita e quindi limitata (quella della musica degli anni’80) sono individuati in cataloghi singolari, quali: la classe artistica (tanto che esistono siparietti dedicati al “peggio degli anni’80”), la rilevanza storica (che non necessariamente coincide con il successo di vendita del brano) e l’incidenza (anche simbolica o emotiva) nella memoria del pubblico. Gli station break non sono affatto banali, avendo l’emittente preferito a sofisticati jingles cantati, degli identificativi solo parlati, ma elaborati in quanto a base musicale (collage musicale abilmente elaborati). Ma, su tutto, domina, vincente, la scelta di programmare versioni spesso introvabili di brani storici (negli anni ’80, si ricorderà, andava di moda predisporre svariate versioni di un pezzo di successo, dall’instrumental, alla radio version, dall’extended mix alla dub version), tanto che su Otto FM è facile ascoltare il medesimo brano musicale, a distanza di giorni, in diverse delle sue versioni. Su ciò ha ovviamente influito l’incredibile archivio musicale della radio: un vero e proprio vaso di pandora da cui ogni giorno vengono estratte chicche e rarità che implementano il server di programmazione. Per constatare il successo di Otto FM non è necessario attingere ai dati Audiradio: basta recarsi nei principali centri commerciali siti nell’area di servizio per accertare quale stazione viene diffusa all’interno. Un sonoro schiaffo a molti parrucconi del medium radiofonico italiano dalla formula per il successo in tasca: come per la cucina mediterranea, anche in radio vincono semplicità, cura dei dettagli e sapiente miscelazione di ingredienti niente affatto introvabili. Tanto che il server della stazione sarebbe già stato richiesto da altre radio italiane.
18/07/2007 09:34
 

Il 103,4 MHz di Varese compie 40 anni. Ma non li dimostra

L’8 Aprile del 1973 da Sacromonte di Varese veniva accesa, in barba alle vigenti leggi, la frequenza “pirata” fm 103.400 MHz, ma con i mezzi di allora un giorno la trovavi a 103.500, un altro a 103.300, ma spesso proprio a 103.400.
 
Come oggi, ma quarant’anni fa , incominciavano le prime timide trasmissioni di una Radio (Sacromonte appunto) il cui acronimo R.S.M. darà la stura alla storia della Radio nella nostra zona. R.S.M. di venne poi, a seguito di una diaspora che generò Radio Varese, Radio Sound Music, poi più semplicemente Radio Sound, quindi Reteotto ed infine l’attuale Otto FM. Nonostante abbia dormito in tutta la sua vita solo poche ore, questa splendida quarantenne, più in forma che mai, ad oggi vanta ancora 70.000 corteggiatori che quotidianamente la seguono, la coccolano e non sono disposti ad abbandonarla per nessuna ragione al mondo. E allora tantissimi auguri per i tuoi primi quarant’anni Otto FM! Parafrasando quel famoso film “che ci vuoi fare? Questa è la Radio, bellezza!”
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
E' tragicamente scomparso oggi a Mazara del Vallo (Tp) Giuseppe Romeo, tecnico delle tlc ed ex editore radiofonico siciliano. Romeo stava lavorando insieme al collega Vincenzo Miraglia, rimasto gravemente ferito, su un traliccio di telecomunicazioni, dove era imbragato, che è rovinosamente caduto dopo aver ceduto alla base per ragioni da verificare.
La stazione interregionale Radio Millennium, edita dalla milanese Elite srl, ha aquistato dall'emittente Radio Stella FM di Porlezza (Co), cinque impianti FM facenti servizio sulle province di Como, Lecco e sulla Svizzera Italiana.
Radio Juke Box Lombardia (edita da Cominvest s.r.l.) ha ceduto a One Dance (edita da Radio Lago Uno s.r.l., gruppo Number One) quattro impianti FM a 101,500 MHz nelle province di Como e Lecco.
Nel viaggio tra le emittenti italiane assistite da Consultmedia (struttura di competenze a più livelli collegata a questo periodico), ci spostiamo questa volta in Piemonte, precisamente nella "Provincia granda", a Cuneo.