Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
"InCar WiFi": 3 lancia in Inghilterra il kit per accedere a internet dalla propria autocritica
La discriminante, fino ad oggi, era stato il prezzo. Già, perché di case automobilistiche che offrono agli utenti la possibilità di dotare le proprie automobili di dispositivi di collegamento alla rete tramite mini router 3 G wireless, ne esistevano già.
Ora, però, la 3 lancia in Regno Unito un servizio accessibile a tutti. Non più auto di lusso e optional con prezzi da capogiro, ma "InCar WiFi" porta nelle case - anzi, nelle macchine - degli inglesi, la rete al prezzo di 59,99 sterline. Il piccolo kit per collegarsi alla rete comprende un mini router MiFi Huawei senza fili, da attaccare al vetro con una ventosa, in stile navigatore satellitare, ed un abbonamento che prevede 1G di traffico mensile. Nell'attesa che idee del genere vengano esportate anche nel nostro Paese, va segnalata la prontezza con cui 3 - fagocitato assieme alla gran parte degli altri attori del mercato dall'irruzione "popolare" della Apple - ha risposto ad iPhone e iPad, che hanno sostanzialmente mutato le abitudini di fruizione dell'online, con un dispositivo alternativo ma capace comunque ritagliarsi una fetta di mercato. (L.B. per NL)
27/04/2010 17:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Gli inserzionisti pubblicitari inglesi chiedono alle agenzie di conoscere gli effetti dei propri investimenti attraverso l’inserimento di un ulteriore soggetto esterno alla filiera; per le agenzie negativi gli interventi di terzi.
La Bbc annuncia all’orizzonte ulteriori tagli che rischiano di tradursi in almeno 30 mila nuovi licenziamenti all’interno dell’industria televisiva inglese.
L’azienda del Regno Unito pressa gli utenti che si rifiutano di pagare il canone televisivo, che ammonta a 145,5 sterline: “Facciamo bene a fare tutto quello che possiamo” tuonano i vertici.
Sky News, l'emittente britannica di proprietà di Rupert Murdoch, è stata costretta a scusarsi dopo che era stato mandato in onda il video di un suo inviato che frugava nei bagagli fra i rottami del volo MH17 abbattuto in Ucraina.
La proposta di legge “European single market for electronic communication”, fortemente voluta e promossa dal commissario per l'agenda digitale europea Neelie Kroes, ha fatto un ulteriore passo in avanti nel lungo iter legislativo dell'Unione.