Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Indagini d'ascolto. Agcom lancia ultimatum ad Audiradio: adeguamento della governance e imparzialità
L’Autorità per le garanzie nelle Comunicazioni scrive per sollecitare ed accelerare il processo di adeguamento della governance di Audiradio.
Il raggiungimento dell’obiettivo dovrà palesarsi nel termine perentorio di 60 giorni, a scadenza dei quali l’Autorità si riserva di prendere in considerazione l’ipotesi di promuovere una diversa organizzazione dell’indagine degli indici di ascolto radiofonici. La pressione è più che doverosa al fine di pulire il caos instauratosi, frutto del contrasto tra due posizioni: soci pro-Diari e soci pro-Cati. Il disaccordo nasce tra gli strenui difensori del metodo tradizionale di rilevazione basato sulle interviste telefoniche (Cati) e i soci a favore dei cd. Diari di ascolto (Panel Diari) attraverso i quali scelte e preferenze sono registrate mediante la compilazione di moduli. I due fronti inconciliabili hanno creato confusione sul piano della rilevazione dei dati, incidendo negativamente sulla trasparenza del mercato e sull’evidente fermento decisorio degli investitori radiofonici, nonché congelando la pubblicazione dei dati per circa due anni e mezzo. È questa la ratio dell’intervento dell’Agcom: ristabilire un’organizzazione di indagine che operi in ottemperanza ai criteri universalistici e condivisi ex ante da tutti gli operatori del settore. Si percepisce senza dubbio come l’autorevolezza, che dovrebbe connotare l’attività di ricerca e rilevazione dell’audience, rischia di essere avvolta da un’alea, nostro malgrado, idonea a rendere sempre più pregiudizievole l’attendibilità dei dati stessi. La risposta strategica di Vincenzo Vitelli, Presidente di Audiradio, come si evince dall’articolo di “ItaliaOggi” del 12 marzo 2011, non è oscurata dal realismo della situazione di insuccesso, bensì lascia uno spiraglio fiducioso teso a restituire quanto prima ad Audiradio il compito di produzione di dati di audience, in qualità di strumento utile e necessario per tutti. La sfida di Audiradio prende il nome di Meter, cioè un sistema di rilevazione elettronico, che sarà presto oggetto di una sperimentazione volta al pieno utilizzo nell’estate 2012, con lo scopo di mettere un punto a tale circolo vizioso e far fronte al proprio mandato in modo imparziale ed efficiente. (C.S. per NL)
16/03/2011 17:03
 
NOTIZIE CORRELATE
Agcom diffida Wind e Tre (recentemente fusesi in un’unica società) dal consentire agli utenti l’utilizzo di due servizi streaming di proprietà senza consumare il traffico dati previsto dal piano di abbonamento.
Ai fini del versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 attraverso la delibera in titolo adottati i seguenti documenti, che costituiscono parte integrante e sostanziale della delibera in parola: a) modello telematico “Contributo SCM – anno 2017”, di cui all’art. 4, comma 1, della delibera n. 463/16/CONS (allegato A alla delibera in oggetto); b) “Istruzioni per il versamento del contributo dovuto all’Autorità per l’anno 2017 dai soggetti che operano nel settore delle comunicazioni elettroniche e dei servizi media” (allegato B alla delibera in oggetto).
Il rigore del metodo è ciò che conferisce alle scienze dure credibilità e affidabilità e, per questo motivo, vanta numerosi tentativi di esportazione in altre aree del sapere. Se da uno studio dipendono decisioni importanti, poi, rasserena poter contare su un metodo considerato garanzia di conoscenza (quasi) certa della realtà oggettiva. La pubblicità in radio, tuttavia, non gode di questo privilegio.
“L’operazione condotta dalle Unità speciali della Guardia di Finanza che ha portato all’oscuramento di 41 siti web che consentivano la visione illecita di film e eventi sportivi in violazione del diritto d’autore, rappresenta un importante colpo inferto alla pirateria on line”.
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).