Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
India, per scandalo telecomunicazioni arresti eccellenti. Cinque manager delle più importanti compagnie di telefonia mobile in manette
I dirigenti di cinque compagnie coinvolte nel più grande scandalo indiano, riguardante tangenti nell'assegnazione delle frequenze per la telefonia mobile di seconda generazione (2G), hanno trascorso la loro prima notte in carcere dopo che un giudice ha respinto la richiesta di libertà dietro cauzione presentata dai difensori.
Lo riferiscono oggi le tv a New Delhi. Si tratta di Sanjay Chandra, presidente di Unitech Wireless; Gautam Doshi, dirigente di MD, società del gruppo Reliance di Anil Ambani (ADAG); Surendra Pipara e Hari Nair, vicepresidenti anziani di ADAG e Vinod Goenka, direttore esecutivo di DB Ralty e Swan Telecom (ora Etlasat DB). La decisione di stabilire quindici giorni di carcere per i cinque è stata presa da uno speciale tribunale dell'Ufficio centrale di indagini (Cbi) indiano. Contro di essa, gli imputati hanno presentato immediatamente un ricorso, che sarà esaminato domani dalla Corte suprema di New Delhi. Lo scandalo relativo alla presunta svendita delle frequenze 2G ha comportato una perdita di almeno 40 miliardi di dollari per l'erario, in base a stime della locale Corte dei Conti. (Virgilio)
21/04/2011 18:54
 
NOTIZIE CORRELATE
L'indagine di customer satisfaction promossa dal Comitato regionale per le comunicazioni (Corecom FVG) nell'anno 2016, che aveva lo scopo di misurare il gradimento degli utenti in merito all'attività di conciliazione obbligatoria in materia di controversie telefoniche, internet e pay tv, ha restituito un quadro molto lusinghiero del servizio offerto.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministero dello Sviluppo Economico ha prorogato oggi di 7 giorni il termine per la presentazione delle istanze di partecipazione alla procedura di selezione comparativa per l’assegnazione di 86 frequenze asincrone in onde medie, originariamente collocato al 15/03/2017.
Il nuovo operatore telefonico Wind Tre Spa (società con amministratore delegato Maximo Ibarra, creatasi dall’unione di Wind Telecomunicazioni e H3G) chiude il proprio bilancio 2016 in bellezza: con un fatturato di 6.491 milioni di euro, una percentuale di crescita in termini di ricavi del 3,1% e una liquidità di cassa di un miliardo di euro.
Cresce il settore delle telecomunicazioni, guidato dai cosiddetti millenials: questo lo scenario delineato dalla ricerca firmata Unioncamere sulle imprese start-up dello scorso anno. Dai dati trasmessi, al 31 dicembre 2016 risultano registrate 2181 imprese di telecomunicazioni (e di servizi di accesso Internet) con un numero di nuove iscrizioni pari a 236; su 100 aziende del settore, il 52,4% vede come leader un under 35.