Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Informazione. Nuovo volto di Apcom: dal 2011 si chiamerà TM news
Entro la fine dell’anno, l’agenzia di stampa fondata nel 2001 dalla giornalista Lucia Annunziata non si chiamerà più Apcom, ma TM news, come l’omonima società editrice – controllata da Telecom Italia Media – che la possiede con una quota di capitale pari al 40% (e dal 2009 l’agenzia passata nelle mani al gruppo Abete che possiede la restante parte di pacchetto azionario).
Il CdA della società di informazione ha, infatti, deciso che il termine della partnership con l’agenzia americana fornitrice di notizie Associated Press – una delle principali al mondo – sarà l’evento che segnerà il trasferimento del proprio nome e logo in tutte le sue branche aziendali. La nuova denominazione vuole anche riflettere una diversa linea editoriale che punta ad una maggiore informazione estera, ad una crescita di quella nazionale, e, infine, ad un particolare interesse all’aspetto multimediale attraverso l’incremento della produzione di video. Si intensificano dunque i lavori per realizzare il nuovo volto di TM news: stanno, infatti, volgendo al termine gli incontri con Reuters per la fornitura di materiale scritto e video, mentre verrà ampliata la collaborazione con France Presse al fine di incrementare l’informazione economica e l’offerta video. (M.C. per NL)
02/12/2010 14:15
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.
“Approfondire la collaborazione per costruire un ponte tra Italia e Cina e condividere esperienze nel campo dei new media”: chiare e decise le parole espresse da He Ping, direttore dell’Agenzia Xinhua, in merito all’accordo strategico siglato pochi giorni fa con Ansa nel corso di una visita dei vertici dell’Agenzia cinese in via della Dataria, sede della prima agenzia di informazione multimediale in Italia.