Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Informazione online: web volant, scripta manent
Le informazioni on line viaggiano incontrollate: non importa accertarne l’attendibilità. Tutto diventa scoop, anche se fasullo.
“Gli scritti restano” celebra l'antico motto latino. L’espressione è valida ai nostri giorni come non mai. Il web e il mondo di internet hanno trasformato radicalmente il modo di fare informazione e, se un tempo eravamo portati a ritenere vere soltanto le notizie diffuse su carta stampata, oggi ci fidiamo ciecamente di informazioni più o meno veritiere trovate sui siti on line. Le notizie spesso vengono pubblicate con facilità, ancor prima di averne verificato l’attendibilità: l’importanza del controllo delle fonti cede così il passo alla corsa per accaparrarsi l’anteprima. E qualora l’anteprima e lo scoop non si trovassero facilmente? Nessun problema: si ricorrerebbe al mondo della fantasia e dell’immaginazione. Fantasia che ha portato addirittura alla nascita di finti giornali on line che consentono di pubblicare notizie fasulle, che circolano liberamente acquistando credibilità. Questo accade perché gli utenti accetterebbero passivamente le informazioni, piuttosto che compiere un tentativo di messa in discussione: l’accettazione collettiva si baserebbe, dunque, su un rifiuto di operare smentite o ricerche critiche che approfondiscano le fonti informative. Ma a che pro lanciare notizie false? Oltre al possibile divertimento, quale sarebbe il motivo scatenante della creazione di queste vere e proprie “bufale”? La natura della risposta a questi interrogativi potrebbe essere una sola: commerciale. È noto infatti che il valore di molti siti venga quantificato in base al numero di visitatori: il diffondere scoop e notizie di grande effetto pertanto attirerebbe nella trappola “seguaci” che non farebbero altro che incrementare il successo economico di un blog, un portale o un social network. La rivoluzione scatenata dal web sta via via assumendo dimensioni incontrollabili e, data la facilità di pubblicazione delle notizie, si prefigura come un fenomeno di cambiamento sociale di grande portata. Se ciò che viene stampato si consegna direttamente alla storia, se tutto quello che viene pubblicato sui giornali cartacei può essere controllato e verificato dai posteri, cosa accade invece al mondo del web? Il tribunale inquisitoriale ha smesso da secoli di censurare e mettere all’Indice gli scritti: ma è giusto che noi utenti non utilizziamo dei filtri critici che spingano alla ricerca di fonti attendibili per verificare le notizie che ogni giorno entrano nelle nostre vite? (V.R. per NL)
 
26/02/2014 10:23
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Che la carta stampata stia attraversando un periodo di forte crisi non è una novità. I nuovi dati ADS (Accertamenti Dati diffusione Stampa) relativi al mese di dicembre 2016 e messi a confronto con quelli di dicembre 2015 evidenziano però una notevole caduta in termini di diffusione media, con riferimento sia all’Italia che all’Estero.
In un periodo in cui tutti si stanno attivando per cercare di arginare il più possibile il fenomeno delle bufale online, Wikipedia si fa sentire parlando proprio di attendibilità.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.