Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Informazione, Sicilia. Fuga di notizie su indagine mafia: rinviato a giudizio PM Gozzo
Dopo perquisizioni a casa di tre cronisti, il magistrato di Caltanissetta è accusato dal Gip di avere fornito informazioni riservate su un’inchiesta di mafia.
Per il reato di rivelazione di segreto d’ufficio, il 3 luglio il procuratore aggiunto di Caltanissetta Domenico Gozzo è stato rinviato a giudizio dal giudice per le indagini preliminari di Catania, Oscar Biondi. Il provvedimento nasce da un’inchiesta aperta dopo che, lo scorso ottobre, i giornalisti Giuseppe Lo Bianco e Sandra Rizza del Fatto Quotidiano e Riccardo Lo Verso del sito di informazione Live Sicilia avevano pubblicato la notizia di un’indagine della procura di Caltanissetta su alcuni colloqui in carcere di Totò Riina, in cui il boss avrebbe ipotizzato attentati contro alcuni magistrati siciliani. Dopo la pubblicazione della notizia, la procura di Catania aveva aperto un’inchiesta contro ignoti per violazione di segreto d’ufficio, con l’aggravante del favoreggiamento mafioso. Nell’ambito delle indagini, le case dei tre giornalisti palermitani erano state perquisite il 12 ottobre 2013. Forti critiche erano state espresse da Assostampa, Unci e Ordine nazionale dei giornalisti. “Contro la perquisizione abbiamo fatto ricorso alla Corte europea – dice a Ossigeno il giornalista del Fatto, Lo Bianco – perché la vicenda è gravissima. Già la Cassazione ha annullato il sequestro dei materiali al collega Consolato Minniti, sostenendo che il luogo di lavoro e di dimora dei giornalisti sono costituzionalmente protetti”. Dalle analisi su personal computer, smartphone, hard disk e agende dei tre giornalisti, gli inquirenti hanno individuato la fonte dei cronisti nel procuratore Gozzo, che ora rischia anche l’apertura di un procedimento da parte del Consiglio Superiore della Magistratura. (Ossigeno per l'informazione)
08/07/2014 09:00
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Come noto, ai sensi del c. 1 dell’art. 1 della L. 62/2001, per “prodotto editoriale” si intende “il prodotto realizzato su supporto cartaceo, ivi compreso il libro, o su supporto informatico, destinato alla pubblicazione o, comunque, alla diffusione di informazioni presso il pubblico con ogni mezzo, anche elettronico, o attraverso la radiodiffusione sonora o televisiva, con esclusione dei prodotti discografici o cinematografici”.
A Palazzo Pirelli cronisti e forze dell’ordine a confronto: il mondo dell’informazione cambia e stare al passo richiede sforzi congiunti.