Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Informazione, USA: tre americani su quattro non si fidano dei media
Tre americani su quattro non si fidano dei propri media. Almeno questo è ciò che emerge da un sondaggio pubblicato il 13 agosto che, straordinariamente, fa sapere come i giovani, spesso giudicati responsabili del calo di vendite dei giornali nel Paese, non lo siano invece per questo settore in crisi.
Il sondaggio dell'Istituto Gallup fa sapere che il 25% delle persone intervistate ha “molta” o “abbastanza” fiducia nella stampa scritta e il 22% nella televisione: la conferma di una tendenza al ribasso che si manifesta gia' da dieci anni negli Stati Uniti. Tra gli intervistati di 18/29 anni, la fiducia nella stampa sale al 49%, mentre tra chi ha 30/49 anni cala al 19%. Secondo Gallup, questi risultati si spiegano col fatto che i giovani hanno la tendenza ad avere piu' fiducia nelle istituzioni in generale e che i media su Internet hanno paradossalmente la tendenza a riprendere la stampa tradizionale. (fonte ADUC)
 
 
15/08/2010 18:50
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Gli Stati Uniti hanno ultimato l’asta per la cessione delle frequenze nella banda 600 MHz dagli operatori televisivi alle telco: il guadagno è stato praticamente un quarto rispetto alle previsioni ma l’asta dà il via allo sviluppo del 5G.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.