Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Ingresso anticipato di Sky sul DTT. Mentre Mediaset prepara ricorso, Romani fa fuoco e fiamme: Murdoch trae beneficio da sacrifici operatori italiani
''Una decisione ingiustificata e grave'" è quella dell'UE su Sky, secondo il viceministro allo Sviluppo Economico con delega alle Comunicazioni, Paolo Romani.
Così, mentre per ora le voci contrarie all'ingresso di Sky in anticipo sul DTT italiano si limitano a Mediaset ed a un pugno di grandi tv locali (la stragrande maggioranza è ben cosciente che i veri pericoli sono costituiti dal Piano delle frequenze e da una regolamentazione LCN estremamente penalizzante) a fronte, invece, di una generale soddisfazione dei consumatori (che salutano positivamente l'aumento di un'offerta gratuita e di spessore sul DTT), Paolo Romani ha immediatamente speso dure parole sull'ok dell'UE, definendosi "sorpreso della scelta della Commissione Europea di consentire a Sky di partecipare ad una gara non economica, concordata con la stessa Commissione per chiudere una procedura d'infrazione al fine di favorire l'ingresso di nuovi entranti e degli operatori minori gia' presenti sul mercato, mentre il Governo italiano ha sempre eccepito che, in realta', Sky rappresenta un gruppo statunitense monopolista del mercato satellitare e, di fatto, del mercato della Pay Tv''. ''E' bene tenere presente che per riservare 5 frequenze da destinare al dividendo digitale il nostro Paese ha, infatti, sottratto risorse frequenziali a ciascuno dei principali operatori nazionali (Rai, Mediaset e Telecom Italia media) e ha rinunciato (nelle aree gia' digitalizzate) e dovra' rinunciare ad assegnarle (nelle aree ancora da digitalizzare) agli altri operatori e a oltre 500 Tv locali'', ha ricordato con particolare enfasi il viceministro, per il quale ''e' assurdo che di questo sacrificio imposto all'intero sistema televisivo del nostro Paese a trarne beneficio sia, gratuitamente - la gara e' un beauty contest basato su parametri di solidita' di impresa, capacita' tecnica, programmazione e presenza sul mercato -, non un vero nuovo entrante ma un soggetto gia' ben radicato nel nostro Paese''. ''Un problema che evidentemente la stessa Commissione si e' posta nel momento in cui ha ritenuto di non eliminare tout court i vincoli contenuti negli impegni sottoscritti nel 2003 da News Corp, imponendo una serie di condizioni per la partecipazione alla gara e l'utilizzo free on air per cinque anni del mux eventualmente acquisito a seguito della gara stessa'', ha concluso Romani. Sta di fatto che, salvo l'accoglimento del ricorso di Mediaset, il mercato dei superplayer tv italiani dovrà presto fare i conti con un competitore di spicco, qualora Murdoch riuscisse ad aggiudicarsi un multiplexer nella gara che verrà indetta nei prossimi mesi. E sono in pochi a pensare che non ce la farà. (A.M. per NL)
22/07/2010 06:41
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Consiglio dei Ministri, riunitosi in data odierna, 24/03/2017, ha approvato, in esame preliminare, il nuovo Regolamento ai sensi della Legge 28/12/2015, n. 208 (legge di stabilità 2016) per la disciplina relativa ai contributi pubblici a sostegno delle emittenti televisive e radiofoniche locali.
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
Il Ministero dello Sviluppo Economico sta inviando  ai titolari delle autorizzazioni per la fornitura di servizi di media audiovisivi per la diffusione in tecnica digitale su frequenze televisive terrestri in ambito nazionale e locale un avviso con il quale ricorda che sono in scadenza le autorizzazioni rilasciate dal Ministero nel 2005 (ovviamente l’invio è progressivo e quindi riguarderà poi quelle rilasciate negli anni successivi).
Il lento convoglio delle misure di sostegno alle emittenti TV locali per il 2015 ha superato un’altra stazione. Lo fa sapere a questo periodico Confindustria Radio Televisioni, spiegandoci che “l’INPGI ha comunicato di aver inviato al Mise venerdì u.s. una prima tranche delle certificazioni di regolarità contributiva relative ai giornalisti in forza alle aziende. L’ente ha informato che una ulteriore tranche sarà trasmessa al Mise presumibilmente nella settimana corrente”.
Continua la pubblicazione da parte del Ministero dello Sviluppo Economico degli aggiornamenti alle graduatorie regionali relative ai fornitori di servizi di media audiovisivi, per il servizio televisivo digitale terrestre, oggetto dal Bando del 02/05/2016.