Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Innovazioni tecnologiche: RAI presenta domani l'Open Internet TV e il Voice Broadband TV
Le Innovazioni Tecnologiche Rai, sviluppate nel corso dell’anno dalla Direzione Strategie Tecnologiche, saranno presentate domani, martedì 27 aprile 2010 alle ore 16.00 presso la sala degli Arazzi di Viale Mazzini 14 in Roma.
Con questa iniziativa la Rai pone l’accento sugli aspetti tecnologici del suo impegno di Servizio Pubblico, rivolto agli utenti ed alle aziende, per la diffusione della cultura digitale e la crescita del Sistema Paese. In particolare, saranno presentate l’“Open Internet TV”, applicazione correlata al progetto RAI-IPTV, e la “Voice Broadband TV” che consente l’accesso a nuovi contenuti ed a servizi interattivi della TV e di Internet, anche attraverso un comando vocale. Tali servizi sono stati sviluppati anche in base ad accordi con altri broadcaster quali BBC e NHK e con primarie aziende italiane e straniere. Saranno inoltre proiettati il filmato “Torino 4K”, la prima produzione televisiva Rai in altissima definizione (standard 4K), ed un programma televisivo in stereoscopia 3D “Sette luoghi, otto minuti, una città”. Le principali attività sviluppate dalla Direzione Strategie Tecnologiche e dal Centro Ricerche di Torino sono riassunte nella pubblicazione “2010: Pensare digitale” che verrà presentata in anteprima.
26/04/2010 20:18
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.