Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet e minori, sei su dieci si scambiano foto e video hot in rete
"Nove minori su dieci navigano in rete quotidianamente. Sei su dieci sono da soli quando utilizzano internet. Solo uno su dieci si connette per studiare, mentre uno su quattro preferisce chattare. Sei su dieci ragazzi ammettono di divertirsi a scambiare foto e video hot in rete".
Sono solo alcuni dei dati emersi dall'indagine sull'uso di internet da parte dei minori, condotta per il Moige da Tonino Cantelmi, professore di Psicologia dello sviluppo e dell'educazione presso l'Università Lumsa, su un campione di mille studenti delle scuole elementari, medie e superiori. I dati sono stati presentati oggi in occasione del lancio del progetto "Per un web sicuro", promosso dal Moige (Movimento italiano genitori), TrendMicro e Cisco, in collaborazione con Google Italy e Polizia postale e delle comunicazioni. Obiettivo del progetto, che per la sua terza edizione ha come madrina Milly Carlucci, è sensibilizzare oltre 40mila persone, tra ragazzi e genitori, nonni, docenti, su un uso responsabile e corretto della rete. "Per voi non c'è distinzione tra mondo reale e virtuale: il mondo virtuale è assolutamente reale" spiega Maria Rita Munizzi, presidente del Moige, rivolta direttamente agli studenti delle scuole medie presenti all'incontro. "Questo è normale per voi ragazzi, mentre non è normale che gli adulti 'formatori' sappiano così poco di questo mondo. Per questo - sottolinea - il progetto è volto soprattutto a creare una formazione per genitori, insegnanti e nonni, perché attraverso loro possiamo arrivare a voi". A preoccupare particolarmente è la pratica, ormai molto diffusa, del 'sexting', lo scambio di foto e video hot, "dal momento che - avverte la presidente del Moige - al di là delle considerazioni morali, diventa spesso l'anticamera del 'cyberbullismo'". Secondo l'indagine Moige infatti, "sei ragazzi su dieci non hanno problemi a dichiarare di essersi divertiti a scambiare foto e video hot in rete. I mittenti sono soprattutto amici (38,6%), di meno i partner (circa 27%), meno ancora gli sconosciuti (22,7%)". "Sei adolescenti su dieci inoltre, appartenenti alla classe d'età 14-20, almeno una volta hanno utilizzato foto e video per prendere in giro qualcuno, e uno su cinque dichiara di farlo spesso". "E' indispensabile un'opera di sensibilizzazione continua per formare una nuova generazione consapevole delle potenzialità, ma anche dei rischi del web" afferma in proposito Antonio Apruzzese, direttore del Servizio Polizia postale e delle comunicazioni, che avverte i ragazzi: "una 'fesseria' fatta sul web è ben diversa da una fatta, ad esempio, nell'ambito della classe: la rete dà l'illusione di poter fare qualunque cosa nascondendo la mano. Invece fare una 'fesseria' sul web vuol dire farla al livello mondiale, e spinge anche a ricercare la mano che c'è dietro". Allarmanti anche i dati emersi sugli appuntamenti al buio: "il 14% degli intervistati ha incontrato le persone conosciute su Internet e il 13% dei ragazzi tra i 14 e i 20 anni ha scambiato il suo numero di cellulare con gli estranei contattati tramite chat". Sul tema è arrivato l'appello della madrina del progetto, Milly Carlucci, raccolto anche da Carla Targa, Marketing & communications manager di Trend Micro Italy e Giorgia Albertino di Google Italy: "fidatevi solo dei vostri genitori, di chi vi vuole veramente bene". Da Marco Fabriani, Civic Council di Cisco Italia viene infine l'invito a "sfruttare, con la massima sicurezza, tutte le potenzialità che internet mette a disposizione". (Adnkronos)
10/02/2014 17:28
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.