Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Internet: grandi manovre tra social network e music service
Facebook, YouTube, ITunes, le "killer application" dell'attuale internet, sintetizzano nei loro marchi e nei relativi servizi ciò che gli utenti della rete vogliono e cercano più di ogni altra cosa: relazioni, video, musica.
E pur di soddisfare i propri bisogni, quegli stessi utenti sono disposti volentieri a cedere un po' della loro preziosa "vita digitale" ai padroni della rete. La diffusione globale e la facilità di accesso e di fruizione di questi servizi ha permesso a chi li gestisce di costruire immensi archivi contenenti identità, idee, gusti e desideri di centinaia di milioni di persone. Ora tutti si chiedono in che modo sia possibile usare questi database, ovvero come "monetizzare" l'enorme mole di informazioni a disposizione. E naturalmente, nell'ottica della concorrenza che anima la rete, ognuno cerca di portar via quote di mercato ai chi opera negli altri settori. Così Apple ha appena lanciato il suo social network associato a ITunes, Ping, che pare abbia già riscosso notevole successo tra gli appassionati di musica. Una delle possibilità più interessanti era quella di poter importare gli "amici" di Facebook anche nel nuovo ambiente. Ma sembrerebbe che Steve Jobs abbia fatto i conti senza... Zuckerberg, ovvero non abbia sottoscritto il necessario accordo con il social network più famoso al mondo. Risultato: per ora nessuna interazione fra le due reti e fra i due database. Ma si dà il caso che a entrambi faccia molto gola la possibilità di interoperare con gli archivi altrui, cosicché tutti sono disposti a giurare in una futura intesa. E intanto Google, appena lanciato il tentativo di far fruttare YouTube trasformandolo in una televisione pay-per-view, si prepara a fornire il proprio servizio di download musicale, collegato al motore di ricerca e accessibile da tutti i dispositivi (smartphone, soprattutto) dotati del sistema operativo Android. Il modello è naturalmente quello di ITunes, ma la casa di Mountain View sembra puntare più lontano, ovvero all'offerta di musica dal "cloud", in streaming su qualsiasi device mobile, senza memorizzazione in locale. D'altra parte voci di corridoio dicono che anche Apple si sta muovendo nella stessa direzione... In sostanza sarà difficile che i concorrenti riescano a scalfire più di tanto le posizioni di forza che ogni marchio ha nel suo settore di competenza, ma ciò che appare sicuro è che, al di là delle schermaglie di mercato, converge l'interesse dei "grandi fratelli" della rete a scambiarsi (o rubarsi) informazioni sugli utenti per poi sfruttarle secondo i rispettivi modelli di business. In attesa della prossima "killer application" che, c'è da scommetterci, sta già nascendo in qualche laboratorio della Silicon Valley. (E.D. per NL)
09/09/2010 16:42
 
NOTIZIE CORRELATE
Le due novità in fatto di navigazione, Whatsapp Web e Telegram Web, famosi servizi di messaggistica istantanea nati come semplici app e adesso usufruibili anche tramite sito web su computer e tablet, sono state recentemente prese di mira dagli hacker della Rete; questo almeno è quanto emerge da uno studio firmato Check Point Software Technologies Ltd., ovvero un'azienda israeliana produttrice di dispositivi di rete e software, specializzata in prodotti relativi alla sicurezza quali firewall e VPN (Virtual Private Network - rete di telecomunicazione privata).
Snap, società a cui fa capo l’applicazione Snapchat, è sopravvissuta al suo primo giorno di quotazione in Borsa (venerdì 3 marzo) chiudendo a 26,7 dollari con una crescita del 9%.
Snapchat sorprende tutti a Wall Street arrivando a registrare la maggior quotazione Nyse nella storia di una società tecnologica, dopo Alibaba nel 2014.
YouTube si è lanciata nel mondo dello streaming tv a pagamento (SVOD) e sembra intenzionata a fare le scarpe alle concorrenti, Netflix e Direct tv su tutte.
YouTube, la piattaforma di videosharing più famosa al mondo, gongola: “You know what’s cool? A billion hours” titola sul blog ufficiale, dove annuncia che sono oltre un miliardo le ore di video visualizzate ogni giorno dagli utenti del portale sparsi in tutto il globo.