Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
iPhone 4 in arrivo. Ma ancora senza ricezione FM abilitata
A pochi giorni dall’annuncio del lancio di una nuova versione del melafonino è stato fatto notare come il gioiellino di casa Apple pecchi di un aspetto non irrilevante. L'I4 non è infatti stato abilitato alla ricezione FM.
Lo ha rilevato per primo Andrea Lawendel su Radio Passioni, che, se fossero confermate le indiscrezioni secondo cui iPhone conterebbe già un chip (Broadcom) che consente la ricezione dell’FM (trattasi, dello stesso componente che permette allo smartphone di stabilire connessioni in modalità wi-fi), ha sottolineato la presenza di una situazione poco comprensibile. Sarebbe infatti sufficiente abilitare il predetto sistema per fare in modo che iPhone possa servirsi (anche per motivi di emergenza causati da eventuali black out del servizio cellulare) della ricezione FM. Perché allora disabilitare la funzione? Dietro allo stupore degli internauti europei si scopre però quale potrebbe essere almeno una delle ragioni che hanno condotto Apple a disinteressarsi della questione (almeno per il momento; del resto esiste almeno una versione di iPod abilitato alla ricezione FM). Si tratta della politica tariffaria dell’operatore statunitense AT&T, secondo la quale la connessione al web sarebbe garantita da pacchetti flat, senza limiti massimi di download. Esattamente come succede per i nostri abbonamenti flat ad internet, che garantiscono il servizio senza limiti, 24 ore su 24. Una strategia che ha favorito ovviamente la navigazione e, di conseguenza, l’ascolto illimitato di radio in streaming. Ma questa politica cambierà presto: stando a quanto annunciato dall’operatore AT&T, d’ora in avanti verranno applicate nuove e più costose tariffe che contempleranno, diversamente da quanto fatto ad oggi, il concetto di download limitato. Esattamente come accade nel nostro paese per internet key. A quel punto, però, l’eventuale abilitazione della ricezione in FM cambierebbe di molto le cose. (M.M. per NL)
11/06/2010 07:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Spotify registra una forte crescita nell’ultimo semestre e raggiunge i 50 milioni di abbonati, distanziando Apple Music, fermo a 20 milioni di sottoscrizioni.
"Con una decisione che segue di poco l'avvio della procedura di parziale switch-off dell'FM in Norvegia, anche la Svizzera annuncia la procedura di revisione del testo dell'ordinanza sulla radiotelevisione (ORTV), da parte del Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC).
Negli Stati Uniti, la radio online è la seconda attività più comune nelle app dei dispositivi mobili con il 15% del tempo speso, seconda solo ai social network con il 29% e più diffusa dei giochi con l’11%.
Dal prossimo anno l’accesso ai contenuti in streaming di servizi SVOD sarà libero fra i paesi europei: questo è il contenuto nel recente accordo raggiunto da Parlamento e Consiglio Europeo.
Siamo al delirio: per (tentare di) risolvere il problema dell'insufficienza delle frequenze per lo sviluppo della radiodiffusione sonora in tecnica digitale terrestre (DAB+), Giacomelli inventa la riassegnazione della banda VHF aprendo la porta ad un ginepraio di ricorsi giudiziari da parte di network provider DTT che nell'ultimo quadrimestre 2016 si sono visti assegnare proprio le frequenze che lui vorrebbe ora ridistribuire.