Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Italia fanalino di coda per Internet. Ma sono in arrivo delle novità per il consumatore
La Relazione Agcom presentata al Parlamento a inizio mese fornisce un quadro di digitalizzazione del Bel Paese non privo di problematiche.
Nonostante l’Italia si collochi ai primi posti nei livelli dei prezzi relativi ai servizi e nella concorrenza nella telefonia, risulta essere ancora arretrata in tema di diffusione della banda larga, di numero di famiglie che possiedono una connessione alla rete, nonché di acquisti online. Le ragioni, secondo presidente dell'Agcom Corrado Calabrò risiederebbero anche nello scarso utilizzo di internet tra gli over 50, nella difficile sostituibilità della tv con internet, nella diffidenza verso gli acquisti online (che spesso cede il posto al timore di truffe) e, problema chiave, nella scarsità di contenuti che, ove presenti nella rete, sono disponibili solo a caro prezzo. A fronte dei problemi riscontrati molte sono le novità già in atto o in fase di preparazione. In primis la possibilità di certificare la qualità della rete Adsl e dunque verificare se la velocità della connessione in banda larga pubblicizzata dal gestore rispecchi effettivamente la velocità reale, attraverso un software creato dalla stessa Agcom in collaborazione con la fondazione Ugo Bordoni (specializzata nella ricerca e consulenza nel settore dell'ICT – information and communication technology) e l’Iscti (Istituto superiore delle comunicazioni). Inoltre si sta già assistendo ad una progressiva riduzione delle tariffe in roaming, introdotte già a partire dal primo luglio scorso grazie alle relative norme Ue, che proseguiranno l’anno prossimo (fino ad arrivare ad un abbattimento totale dei costi). In tal modo, con alcuni gestori telefonici, paradossalmente, si pagherebbero di più gli sms inviati dall’Italia rispetto a quelli inviati dall’estero. Anche le tariffe di navigazione attraverso smartphone subiscono ridimensionamenti passando da un costo di 1 euro per megabyte scaricato o inviato, a 80 centesimi. Inoltre, per evitare bollette inverosimili, è stato previsto un sistema di allerta per l’utente che si collega ad internet utilizzando la rete di un altro paese europeo. A partire dal primo marzo scorso – ed entro i primi del mese in corso – infatti, in base ad un regolamento Ue gli operatori di rete mobile dovevano offrire ai propri clienti la possibilità di fissare una soglia massima mensile di traffico roaming (ovvero un importo di 50 euro nel caso in cui non abbia fornito nessuna comunicazione) cosicché al raggiungimento dell’80% del limite mensile stabilito sarà inviato un messaggio di avviso al cliente. Tuttavia ulteriori cambiamenti dovrebbero essere attuati nel campo della rete mobile tanto che il presidente dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni lancia un nuovo allarme: “in assenza di interventi, con il tasso attuale di diffusione degli smartphone, la nostra rete mobile rischia il collasso”. (M.C. per NL)
19/07/2010 14:44
 
NOTIZIE CORRELATE
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
La centralità di internet è, nel mondo moderno, sempre più permeante e nelle zone caratterizzate dal fenomeno del digital divide, il disagio consiste nel non beneficiare di una connessione internet fissa, o di averne una troppo lenta che, inevitabilmente, va ad intaccare il lavoro degli utenti che utilizzano la rete per questioni legate al business.
Il prossimo anno porterà diverse novità nel settore digitale nell'Unione Europea. A partire dal 15/06/2017, i costi delle chiamate, dei messaggi e del traffico internet saranno uniformati in tutta l'Unione e per prevenire frodi e abusi verrà vietato l'acquisto di sim in paesi diversi da quello di residenza (paesi nei quali, ad esempio, si applicano costi d'acquisto inferiori).
Su oltre trecento dispositivi elettronici connessi a Internet - come orologi e braccialetti intelligenti, contatori elettronici e termostati di ultima generazione - più del 60% non ha superato l'esame dei Garanti della privacy di 26 Paesi.
Dopo i primi due mesi chiusi in positivi, il mer­cato pubblicitario torna a flettere. È quanto ha cer­tificato Fcp-Assointernet, che a marzo ha registrato un -1,4% per il comparto, con Web a -6,2%, Mobile a +135,4%, Tablet a +25,2% e Smart Tv/Console a +8%.