Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Jackpot Superenalotto: Codacons denuncia i TG Rai, Mediaset e La 7 per pubblicità pericolosa e informazione carente e dannosa
Il Codacons segnala, "come la folle corsa del jackpot del Superenalotto, in quest'estate di crisi economica, sia particolarmente pericolosa per le famiglie italiane".
Dopo aver chiesto al Ministro dell'Economia, Giulio Tremonti, "di intervenire e bloccare il montepremi, senza essere stato ascoltato il Codacons ha denunciato all'Autorità delle Telecomunicazioni il comportamento delle redazioni giornalistiche Rai, Mediaset e La7 che non fanno altro che ripetere l'ammontare del montepremi e raccontare storie di chi "ce l'ha fatta', senza ricordare le scarsissime possibilità statistiche di azzeccare la sestina e soprattutto senza spiegare le insidie del gioco, come segnalato dalle pagine del quotidiano l'Avvenire". Inoltre, il Codacons segnala, "che a causa della febbre del gioco, che ormai sembra aver contagiato tutto lo stivale, inaspettatamente anche alcuni sociologici sembrano dare i numeri sottovalutando i rischi compulsivi del gioco. Il dott. Sforza, infatti, ha dichiarato che il pericoloso aumento delle giocate, e dei giocatori (che ammonta al 25%), non sarebbe preoccupante dato il basso costo di molte schedine del Superenalotto (giocata minima 1 euro)". Al riguardo, la dott.ssa Florinda Maione, responsabile della S.I.I.Pa.C (Società Italiana Intervento Patologie Compulsive), ha dichiarato: "Per evitare, allora, che il sogno di vincita possa degenerare in ossessione, l'attenzione deve rimanere alta soprattutto sui cosiddetti giocatori occasionali che dovrebbero essere correttamente informati dai vari mezzi di comunicazione sulle reali probabilità di vittoria (una su sessantatre milioni) e messi nella condizione di operare una scelta di gioco e di aspettativa di vincita consapevole. A fronte di piccole scommesse, la possibilità di grandi o comunque possibili vincite è da sempre allettante; se aggiungiamo strategie comunicative di marketing, come quelle a cui stiamo assistendo in questi giorni, studiate per far leva solo sul premio finale, diminuisce notevolmente la possibilità che il consumatore rinunci a ripetere la scommessa! Diversamente un giocatore ben informato sulle reali possibilità di vittoria e di sconfitta è meno disposto a rischiare somme di denaro: la piena consapevolezza di quello che si sta facendo è il miglior antidoto contro ogni forma di eccesso". Mentre Carlo Rienzi, presidente Codacons, ha commentato: "I mezzi d'informazione devono farsi carico della responsabilità di fornire al pubblico le giuste informazioni su un tema così delicato". Aggiungendo: "Stiamo studiando possibili class action in difesa di chi è ormai affetto da gioco compulsivo". Ed ha concluso: "Ci auguriamo che il Ministro Tremonti, che non è ancora intervenuto, ascolti almeno la Chiesa".
24/08/2010 08:30
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Si è svolta oggi nella hall del palazzo di Largo Donegani 1 la conferenza stampa di RadioMediaset in cui sono stati presentati i risultati ottenuti nell’ultimo anno di attività del polo che comprende le emittenti di proprietà Radio 105, Virgin Radio (entrambe ex Finelco), R101 e la partnership con Radio Monte Carlo (che rimane di proprietà della famiglia Hazan, precedente editore delle radio Finelco).
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.