Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
L’informazione sostenibile sul web: è nato Etica News
In Italia, chi più chi meno, chi davvero e chi solo perché è di moda, siamo tutti un po’ indignati e incazzati. I politici e i loro salari e privilegi, la finanza che ci porta in recessione, l’Europa che non c’aiuta, e poi gli evasori e gli appartenenti a questa o quella casta.
Di personaggi con cui indignarsi ne abbiamo in abbondanza. E se è vero che nei momenti di crisi spesso nascono le idee migliori, vogliamo sperare che l’arte d’arrangiarsi tipica del nostro popolo si trasformi, nell’era delle proteste 2.0, in rabbia positiva e propositiva. Un progetto editoriale nato lo scorso anno, sull’onda del malcontento generale, è Etica News, un sito web d’informazione, un po’ rudimentale e più simile a un blog che a un portale informativo, molto aggiornato e con l’obiettivo di offrire informazione indipendente al popolo degli indignati e di creare un network e un benchmark di e per persone interessate a un cambiamento, appunto, etico in campo economico, politico e finanziario. Il sito non ha pubblicità né sponsor politici ma è finanziato da una fondazione, Etica, appunto, che promuove progetti di diversa natura con l’obiettivo di promuovere soluzioni etiche – a-ri-daje – ai mali del nostro paese, fungendo da strumento di politica pubblica. Uno dei punti fermi della fondazione e della sua iniziativa editoriale Etica News è quello di essere entrambe totalmente scevre da influenze politiche e finanziamenti pubblici, oltre che da ogni genere di potenziale pressione da parte di sponsor. La fondazione, apolitica, che ha dovuto aderire a uno statuto che tutela l’autonomia della redazione, è presieduta dal professor Gregorio Gitti, docente di Diritto Privato all’Università degli Studi di Milano che, tra le altre cariche ricoperte, è stato fondatore e presidente dell’Associazione Nazionale per il Partito Democratico, perciò non proprio una personalità apolitica.  Direttore di Etica News è invece il giornalista finanziario Luca Testoni, autore di un saggio sui segreti e le incoerenze del mondo della moda made in Italy, coadiuvato da Marco Ratti, collaboratore de L’Espresso e il Sole 24 Ore, vincitore nel 2008 del premio giornalistico Gavinelli per un’inchiesta sugli affitti in nero di locali appartenenti agli ospedali milanesi e tra i firmatari, nel 2008, di una petizione che voleva il pagamento degli stagisti nelle redazioni giornalistiche. Il progetto di Etica News è partito da circa sette mesi ma solo ultimamente ha iniziato a ricevere un po’ di copertura mediatica, grazie a un articolo pubblicato sul Corriere.it e a un resoconto della sua attività divulgato dal sito di Franco Abruzzo. La particolarità del progetto, dall’indiscusso valore morale, è quella di non ricevere alcun genere di finanziamento, neanche pubblicitario, rappresentando perciò un modello di business totalmente alternativo alle leggi del mercato. La fondazione Etica si occupa delle spese. Dove, però, questa trovi le risorse per farlo resta un mistero. Sul suo sito è scritto che il soggetto giuridico scelto “deve disporre di risorse patrimoniali e finanziarie, che le consentono di perseguire i propri obiettivi in autonomia giuridica dai soggetti finanziatori”. “Il patrimonio iniziale – dicono ancora - è costituito da un primo nucleo di persone che credono negli scopi della Fondazione, al punto tale da investirci in prima persona, in modo chiaro e trasparente”. Il futuro di Etica sembra, quindi, in mano a un gruppo di mecenati che credono in un mutamento etico del sistema socio-politico-finanziario italiano: una manciata di professionisti indignati che vuol promuovere iniziative di cambiamento, pare. In bocca al lupo. (G.M. per NL)
05/01/2012 12:46
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
In un articolo pubblicato sul Guardian di ieri, 12 marzo, Tim Berners-Lee (foto), inventore del world wide web e fondatore del World Wide Web Consortium (W3C), cerca di descrivere l’attuale punto di evoluzione del più diffuso mezzo di comunicazione al mondo ed elenca tre problematiche, a suo avviso pressanti, per il futuro che lo attende.
Tra i molti temi trattati nel “Libro bianco sul futuro dell’Europa”, vi è quello dell'innovazione tecnologica e del paradigma digitale nella vita quotidiana dei cittadini dell’Unione.
Google non usa mezzi termini, soprattutto quando si tratta di tutelare la sua immagine dall’essere associati con le bufale online e, proprio per questo è arrivata, recentemente, la prima batosta al mondo delle fake news made in Italy; la compagnia di Mountain View, infatti, ha recentemente privato il noto blog complottista Byoblu, a cura di Claudio Messora, della possibilità di monetizzare i suoi contenuti con i banner di AdSense.
A ottobre i siti dei più importanti operatori televisivi hanno avuto un incremento di utenti giornalieri. Secondo i dati Audiweb, rispetto al mese di settembre c’è stato un +1,7% con 20,4 milioni di utenti connessi da mobile e 10,7 milioni da pc.