Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
L'iPad contribuisce a spingere l'editoria fuori dalla crisi
I dati trimestrali mostrano un quadro decisamente positivo per la mela morsicata di Steve Jobs sia in termini di fatturato che di profitti: il giro d’affari è infatti cresciuto del 67% rispetto al medesimo periodo del 2009, mentre l’utile netto si attesta intorno ai 4,31 miliardi di dollari.
Tuttavia, la tablet pc sembra che non riesca a sfondare nel mercato, lasciando l’amaro in bocca agli investitori dell’azienda informatica statunitense per le deludenti vendite del prodotto. Difatti, la crescita di Apple è principalmente dovuta alle forti vendite di iPhone, aumentate di 91 punti percentuali rispetto al precedente anno, mentre la diffusione di iPad è pari a 4,2 milioni di unità contro le 4,8 stimate dagli analisti. Ciò nonostante, proprio l’iPad sembra rappresentare il miglior mezzo per affrontare la crisi che ha recentemente colpito il mondo della stampa tradizionale, nonché strumento necessario per cercare di aumentare i ricavi attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie che l’evoluzione informatica mette a disposizione dell’utente. Aumentano non a caso gli investimenti che i grandi giornali internazionali effettuano nel campo delle nuove modalità di lettura, in particolare tablet pc e web. W i risultati cominciano a vedersi: la nuova strategia ha fruttato al Financial Times incassi pari a 1,1 milioni di euro in sei mesi di vendita di spazi pubblicitari sulla propria applicazione per iPad e con già 400 mila consumatori che hanno preferito la versione digitale a quella cartacea. Anche il Wall Street Journal ha registrato un incremento dei ricavi pubblicitari rispetto al precedente anno: il 21% in più per l’edizione cartacea e il 27% per la versione digitale. Tra i quotidiani nostrani in versione digitale è annoverabile “Vita Nòva” il magazine del Sole 24 Ore che tratta di innovazione e tecnologia con notizie, rubriche e la possibilità di commentare in rete la nuova modalità di lettura e che debutterà nella vetrina digitale di Apple il prossimo 21 ottobre. (M.C. per NL)
21/10/2010 05:13
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.