Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La donna e la cattiva pubblicità: tutta colpa dei pubblicitari?
La pubblicità ha sempre preso spunto dalla realtà: in origine fonti ispiratrici erano l’arte e la musica, mentre negli ultimi decenni la pubblicità trae sempre più ispirazione dai media e, nello specifico, dalla televisione”.
Secondo Lorenzo Marini e gli altri ospiti intervenuti alla conversazione organizzata dall’IAA, International Advertising Association, su La Persona femminile nella pubblicità, la televisione, più della pubblicità, rappresenta la donna come mero oggetto sessuale. A supporto di questa posizione è stata presentata da Fabio Veronica del Censis una ricerca sulle Donne in TV e donne nella vita reale condotta da Elisa Manna, Responsabile delle politiche culturali del Censis. Secondo lo studio, dai programmi televisivi non emerge la pluralità che contraddistingue la donna nella vita reale: nel 58% dei casi, infatti, la donna non ha voce. Non solo, nel 43% delle apparizioni televisive le donne sono presentate in relazione ai temi dello spettacolo, della moda, della bellezza e della sessualità. Anche le inquadrature vanno in questa direzione: nel 30% dei casi indugiano sugli attributi sessuali delle donne. La rappresentazione stereotipata e lontana dalla realtà che caratterizza le donne della pubblicità e dei media nasce, però, dalla cultura italiana. Secondo Maurizio Rompani, Direttore Generale TP, intervenuto alla conversazione, “ritrovarsi a parlare del ruolo della donna è indice del fatto che anche dopo anni questo rimane un problema irrisolto della società italiana”.  La conversazione IAA tenutasi in Sipra il 15 marzo 2011, è stata introdotta dal Prof. Edoardo Teodoro Brioschi, Presidente dell’IAA - Italy Chapter, e moderata da Enrica Roddolo, giornalista de Il Mondo, ed ha ospitato i seguenti relatori: Fabio Veronica del Censis, Gabriella Cims, consulente del Mistero dello Sviluppo Economico, Vincenzo Guggino, Segretario Generale dell’Istituto di Autodisciplina Pubblicitaria, Carlotta Ventura, Responsabile Media e Sponsorship presso Telecom Italia, Lorenzo Marini, creativo pubblicitario di Lorenzo Marini & Associati, Filippa Lagerback, testimonial e conduttrice RAI, Giorgio Marino, Presidente di Film Master, Maurizio Rompani, Direttore Generale TP.  Tutti i video della conversazione saranno resi disponibili sul sito www.iaaitaly.org.
18/03/2011 12:54
 
NOTIZIE CORRELATE
In Germania scoppia la bufera tra politica e imprenditori del settore pubblicitario: per quanto i numeri siano ottimi, se si pensa che nel 2016 vennero investiti fino a 45 miliardi di euro in pubblicità, guardati con maggiore attenzione, i risultati pervenuti dalle analisi dello scorso anno, secondo Andreas Schubert, presidente della Zentralverband der deutschen Werbewirtschaft (Zaw, cioè l’associazione centrale dell’economia pubblicitaria tedesca), essi potrebbero essere ancora più prominenti e a favore di un’economia in crescita, ma ad oggi non è ancora così.
Pubblicità attraverso gli influencer: chi, tra i volti più noti al pubblico (non necessariamente per mezzi diversi da quelli online), si scatta una foto (il cosiddetto selfie) o si fa fotografare con un prodotto o un marchio ben visibile fa pubblicità a questo, utilizzando la propria immagine che per via della sua fama, produce un istintivo rapporto di fiducia per i suoi fan, fungendo da cassa di risonanza per il prodotto o brand in questione.
L’ossessione di chi fa marketing nell’era 2.0 è il customer journey: le aziende osservano il comportamento degli utenti per individuare i momenti migliori in cui intercettare la loro attenzione e presentare il proprio messaggio.
Dal 2018 scompariranno gli spot pubblicitari di 30 secondi su YouTube e Google ha reso noto di “volersi concentrare sui formati che vadano bene sia per gli utenti che per i clienti”.
Nell’era del web 2.0 il superlativo assoluto del successo di una pubblicità non si costruisce con l’aggettivo “planetario”, ma con “virale”.