Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La Giunta Fnsi sostiene la campagna di Sky Tg24 per i “Faccia a Faccia”
L’informazione, anche quella politica, ha sempre più necessità di completezza e pluralismo pieno, che solo il confronto reale delle idee, dei loro promotori e dei diretti protagonisti può assicurare".
Lo sostiene la Federazione Nazionale della Stampa Italiana, secondo la quale "I video comunicati, le chiacchiere, le battute tipiche dello scontro politico messe in fila una dopo l’altra non rispondono a questa esigenza". A giudizio della Giunta della Federazione della Stampa italiana, "l’appello della Direzione di Sky Tg24 al confronto televisivo diretto e trasparente tra i leader corrisponde in pieno alla necessità di ridare piena dignità al dibattito politico e civile. Esiste una chiara possibilità, per una volta, di confronto diretto e pubblico in cui ciascuno faccia la sua parte per i compiti e le funzioni che esercita: giornalisti liberi nel proporre domande e nel promuovere il confronto e facendo emergere il merito delle questioni e le differenze senza altro intervento se non quello della mediazione professionale. La proposta di Sky Tg24 è sin qui caduta nel vuoto". Per la Fnsi "va sostenuta e rilanciata a tutto il sistema dell’informazione perché non smetta di incalzare i leader del dibattito politico affinché non si sottraggano al confronto, quale migliore espressione di una cultura democratica condivisa, sulla base di regole del gioco uguali per tutti i protagonisti". La Fnsi, "nel condividere la proposta di Sky Tg24, mette al centro anche il pieno recupero dell’informazione professionale e della sua funzione ed è disponibile ad offrire i propri luoghi di dibattito per promuovere il libero confronto”.
 
 
27/04/2011 09:33
 
NOTIZIE CORRELATE
Il Tar del Lazio (sent. n. 03747/2017) ha confermato la sanzione di 200.000 euro comminata da AgCom a Sky Italia con un provvedimento risalente al 2008.
A+E television networks, emittente televisiva via cavo e satellitare statunitense, è un brand sicuramente ancor poco conosciuto in Italia.
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
Sky Italia diventa il terzo polo della produzione e distribuzione cinematografica nazionale, ma le concorrenti storiche del mercato Rai con Rai Cinema e Mediaset con Medusa film non sembrano preoccuparsi eccessivamente.
I giornalisti del dipartimento emittenza locale della Fnsi sono preoccupati per il ritardo con cui il governo sta procedendo ad emanare i decreti attuativi della riforma dell’editoria. «Il ministero sblocchi i contributi 2015, il cui mancato riconoscimento mette a rischio l’occupazione in numerose aziende», chiedono.