Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La lunga rivincita del cattivo di Napster. In fila per l’acquisto di Warner Music
Per alcuni è rimasto un software impareggiabile. Per altri è diventato comunque parte della storia di internet. Quella recente storia che ha modificato in modo immanente il mercato della musica e il concetto di condivisione dei file.
Stiamo parlando di Napster, la tecnologia peer-to-peer nata nel 1999 per mano di Shawn Fanning e Sean Parker (foto); uccisa (almeno nella sua versione free) nel 2001, a seguito della sentenza che impose la chiusura al pubblico per via della ripetuta (per molti ancora presunta) violazione del copyright. E mentre Mr. Fanning tentava (purtroppo senza successo) di trasformare Napster in un software a pagamento con 26 milioni di dollari di indennizzo e altri 10 per royalties future, il giovanissimo Mr. Parker (l’allora co-fondatore) proseguiva il suo viaggio di successo online. Come? Prima fondando il social network Plaxo, poi acquistando il 7% delle azioni di Facebook, oggi diventando parte di una cordata di potenziali acquirenti della Warner Music. Si tratterebbe dunque di una lunga rivincita, durata circa un decennio, che ha permesso al “cattivo” di tornare “buono”. Il ragazzino che mise a dura prova il mercato della musica internazionale (tutt’ora in seria crisi per via della proliferazione di musica online), ora è un potente trentaduenne che potrebbe salvare uno degli ex nemici (la major Warner Music) dagli effetti di quella stessa crisi che lui aveva contribuito, dieci anni prima, ad innescare. Secondo il Wall Street Journal, l’apporto di Mr. Parker potrebbe, in questa occasione, non essere economico, ma semplicemente gestionale. Qualunque sia il modo è certo che nessuno di noi, nel 2001, avrebbe immaginato ad una storia del genere. Il Journal ha anche reso noto che del gruppo di potenziali acquirenti faranno parte anche il multimiliardario californiano Rob Burkle, nonché Doug Teitelbaum, re dei megastore statunitensi. Non ci sono ancora dettagli sul valore o la praticabilità di questa ingente operazione. (M.M. per NL)
 
18/03/2011 10:43
 
NOTIZIE CORRELATE
L’Agcom in vista della definizione delle nuove regole a tutela del diritto d’autore dà voce alla consultazione pubblica attraverso un ciclo di audizioni volto al recepimento di commenti e critiche da parte di tutti gli utenti di internet.
Con sentenza 49437/2009, la Cassazione ha confermato l'ordinanza di sequestro preventivo e di inibizione degli accessi da parte degli ISP nazionali emessa dal GIP di Bergamo il 28/11/2008 a carico del sito svedese www.thepiratebay.com, i cui amministratori sono stati indagati per concorso nel reato di violazione della LDA.
Con delibera n. 649/09/CONS, pubblicata sul proprio sito, l’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni ha dato il via ad un’indagine conoscitiva relativa a “Garanzie dei consumatori e tutela della concorrenza con riferimento ai servizi vocali su protocollo internet (VoIP) ed al traffico peer-to-peer da rete mobile”.
Milioni di cittadini in Gran Bretagna, abituati a scaricare illegalmente film e musica da internet, potrebbero perdere la loro connessione alla rete e multe fino a 50.000 sterline nel caso in cui continuassero con la loro attività.
"Le nuove tecnologie offrono fantastiche possibilita' per diffondere cultura e conoscenza a tutto il mondo quasi senza costi, pero' facilita la costruzione di una societa' controllata a un livello mai visto finora".