Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La morte di Cossiga: pochi lo sanno, ma era anche giornalista
Francesco Cossiga fu anche giornalista, orgoglioso della sua tessera, datata 20 ottobre 2003, ed in particolare del fatto che il documento riportasse per intero il suo nome, Francesco Maurizio Cossiga.
Un vezzo tra i tanti, ma un particolare di cui il presidente emerito si compiaceva moltissimo. A ricordarlo e' il segretario nazionale della Federazione nazionale della stampa (Fnsi), Franco Siddi. ''Ricordo perfettamente quando venne all'inaugurazione della nostra sede a Cagliari. Fece il discorso inaugurale e noi gli riconoscemmo anche l'iscrizione come socio onorario della Stampa sarda. Lui era giornalista pubblicista dal 2 luglio 2003 e ne era orgogliosissimo. Tra le varie lauree honoris causa che gli sono state riconosciute ne ricevette una anche in giornalismo, dall'Universita' di Sassari. Tra l'altro non fece mai mancare il suo sostegno specie sul fronte della liberta' di stampa, in particolare in occasione del ddl Mastella sulle intercettazioni'' rievoca Siddi, sardo anch'egli, sia pure cagliaritano. ''Professionalmente provengo pero' dalla Nuova Sardegna di Sassari - precisa Siddi puntiglioso - che tra l'altro, come lo stesso Cossiga amava ricordare, ebbe la sua prima sede in uno stabile di proprieta' della famiglia del presidente emerito''. (ASCA)
 
17/08/2010 18:36
 
NOTIZIE CORRELATE
Si  è   interrotto   oggi   il   confronto  tra   la Federazione   nazionale  della   stampa  italiana   – chiamata   ad assistere il Cdr di Sky Tg 24 – e Sky Italia al tavolo delle trattativa per il trasferimento di 99 giornalisti del   Tg   da   Roma   a   Milano. 
I giornalisti del dipartimento emittenza locale della Fnsi sono preoccupati per il ritardo con cui il governo sta procedendo ad emanare i decreti attuativi della riforma dell’editoria. «Il ministero sblocchi i contributi 2015, il cui mancato riconoscimento mette a rischio l’occupazione in numerose aziende», chiedono.
"Fine anno, tempo di bilanci e progetti", esordisce il presidente di Confindustria RTV, Franco Siddi, in un lungo editoriale inviatoci, con il quale coglie l’occasione, "da un lato, per fare un punto della situazione del settore radiotelevisivo, partendo da dati e informazioni elaborati nel corso dell’anno e sintetizzati nel documento allegato; dall’altro, per guardare al futuro, alle tante questioni aperte e in divenire, di cui molte prioritarie se non urgenti, su cui lavoreremo in collaborazione con le istituzioni, i regolatori e gli altri “stakeholder” del sistema nazionale e europeo".
L’Assemblea Generale di Confindustria Radio Televisioni (CRTV) ha confermato, oggi, Franco Siddi Presidente dell’Associazione all’unanimità dei partecipanti e ha rinnovato gli organi direttivi.
Luca Svizzeretto, giornalista del quotidiano Nuovo Oggi e speaker dell'emittenza locale capitolina è morto a soli 38 anni a causa di complicazioni dovute alla malattia di Crohn.