Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
La Repubblica: conti RAI in stallo, servono 300 milioni al 2012
La tv pubblica e' in stallo strategico. Da qui al 2012 la Rai deve trovare 300 milioni da investire per non perdere il treno delle nuove tecnologie.
Da un'inchiesta de 'La Repubblica' emerge che oltre 200 milioni di entrate pubblicitarie sono andati in fumo nel 2009 e altri 52 milioni di ricavi l'anno sono stati cancellati con l'addio a Sky, piu' 4 milioni in spot gia' persi in queste settimane. Il bilancio 2009 chiudera' con una perdita sensibile (di 45 milioni) grazie solo a una sforbiciata ai costi (100 milioni) e a un po' di cosmesi finanziaria. Il 2010 andra' ancora peggio. E il rischio di una lenta eutanasia finanziaria risulta ormai chiaro persino ai vertici di Viale Mazzini.  "Senza interventi sul canone lo squilibrio economico sara' tale da compromettere in tempi brevi la continuita' aziendale", ha scritto il d.g. della Rai, Mauro Masi, nella lettera riservata inviata a fine 2009 ai ministri dell'Economia Giulio Tremonti, dello Sviluppo Economico Claudio Scajola e al presidente dell'Autorita' per le Comunicazioni Corrado Calabro'. Il rischio a medio termine - scrive Masi nella missiva - e' chiaro: "un ruolo sempre piu' marginale nel nuovo contesto digitale" condito "da un ridimensionamento dell'offerta generalista gratuita e dalla dismissione di asset industriali con riflessi occupazionali". Il quadro e' nero. E il paradosso tutto italiano e' sempre lo stesso: il destino (e il vertice) della Rai e' in mano a un governo guidato dal socio di riferimento del suo principale concorrente. Tra i nodi citati nell'inchiesta figura quello dei costi. La Rai costa molto piu' dei concorrenti privati, anche per gli obblighi legati al servizio pubblico, come il network di sedi regionali. Viale Mazzini ha 13.366 dipendenti (la meta' della Bbc e della tv statale tedesca Ard) tra cui 2.006 giornalisti - il quadruplo di Mediaset e sette volte quelli di Sky - 345 dirigenti, 128 orchestrali e coristi e persino 12 medici ambulatoriali. Ogni lavoratore Rai, secondo i calcoli degli analisti di R&S Mediobanca, costa 89.000 euro (81.000 quelli del Biscione, 50.000 da Murdoch) ma produce "solo" 278.000 euro di fatturato contro i 659.000 degli uomini di Cologno e 673.000 da Murdoch. Su 100 euro incassati da viale Mazzini, 32,3 servono per pagare gli stipendi, contro i 12,3 di Mediaset e i 7,4 di Sky. Piu' costi, naturalmente, si traducono in meno utili. Il margine operativo netto della societa' guidata da Mauro Masi e' di 2,1 euro ogni 100 di entrate. I network di Berlusconi (24 euro su 100 di utili) e quelli del tycoon australiano (11,1) fanno molto meglio. (MF Dow Jones)
26/03/2010 16:57
 
NOTIZIE CORRELATE
“Siamo delusi dall’intervento del Direttore Generale in Commissione Parlamentare di Vigilanza sul tema della Convezione di Servizio Pubblico. Ci saremmo aspettati un intervento con dati alla mano: entrate 2016, previsione entrate 2017 e 2018 e relativo progetto industriale”.
Intrattenimento in day time e talk show incentrati su casi di cronaca? Il direttore generare Rai Antonio Campo Dall’Orto potrebbe dire “Non parliamone più”, parafrasando il titolo della trasmissione di Rai Uno (Parliamone sabato) recentemente chiusa per le polemiche su uno dei suoi approfondimenti.
“Il ministero dello Sviluppo Economico assegna alla concessionaria la capacità trasmissiva necessaria”: questo è quanto si legge, secondo Repubblica, all’articolo 7 della bozza di provvedimento in studio al Consiglio dei Ministri per la concessione del servizio pubblico alla RAI.
Il Ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda ha espresso “Soddisfazione per la nuova concessione che si attendeva da più di vent’anni. Si tratta di un testo fortemente innovativo sotto molteplici aspetti a cominciare dalla previsione di un nuovo piano editoriale e caratterizzato dalla separazione delle attività di servizio pubblico rispetto a quelle di mercato. Il nuovo modello concessorio permetterà di realizzare un uso più efficiente delle risorse, un miglioramento del servizio e la razionalizzazione degli assetti industriali e finanziari.”
Sabato 4 marzo, l’Agenzia delle Entrate, rispondendo ad alcune domande poste dall’Unione nazionale dei consumatori (UNC), ha dichiarato che per chi ha erroneamente pagato due volte il canone RAI, nell’arco del 2016, può richiedere il rimborso tramite l’apposito modulo scaricabile dal sito dell’agenzia.