Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
"La Sicilia verso il digitale terrestre". Convegno a Palermo organizzato dal Corecom Sicilia. In assenza di precise garanzie lo Swith-off non si farà
Si è svolto ieri mattina presso la Sala Gialla di Palazzo dei Normanni a Palermo il convegno "La Sicilia verso il Digitale terrestre" organizzato dal Corecom Sicilia.
Al consesso ha partecipato, tra gli altri enti, la Federazione Radio Televisioni (FRT), che ne ha dato conto in un comunicato. La Sicilia, che sarà l'ultima regione italiana a passare al digitale terrestre, presenta un quadro particolarmente complicato anche in considerazione dell'elevato numero di tv locali presenti (circa 120). Con le attuali risorse disponibili (18 frequenze) e in virtù delle regole di assegnazione dei diritti d'uso (graduatorie regionali) molte di queste non avranno la possibilità di diventare operatori di rete. Il Presidente dell'Associazione Tv Locali federata nella FRT, Maurizio Giunco, nel suo intervento ha peraltro ribadito, relativamente alla paventata possibilità di un ulteriore esproprio di frequenze, proposta dal MSE nel corso dei lavori preparatori della conferenza di Ginevra (WRC 2012), che "se il Governo non si impegna a mantenere la destinazione delle frequenze della banda 700 MHz, (canali 49-60) che dovrà rimanere in uso ai servizi di diffusione radiotelevisiva digitale e non ai servizi telefonici, lo switch-off non si farà. Le risorse sono già inadeguate per numero e qualità in quanto buona parte di esse non sono state coordinate con gli stati esteri confinanti. Pensare di sottrarre ulteriori canali alla televisione locale è inaccettabile, anche in considerazione delle negative esperienze fatte nelle aree digitalizzate fino al 2010 (Sardegna, Lazio, Campania e nord Italia) con le emittenti locali costrette ad effettuare investimenti su frequenze regolarmente assegnate e che oggi devono riconsegnare allo Stato senza ricevere adeguati indennizzi per l'esproprio" (Canali 61-69 ndr). Giunco ha inoltre illustrato le problematiche che investono le aree di Messina e Reggio C., dove emittenti siciliane utilizzano postazioni situate in Calabria e viceversa. Su qusto punto Giunco ha chiesto all'Agcom di trovare i necessari accorgimenti al fine di salvaguardare le aree servite dalle emittenti. Tale problematica si potrà superare solo effettuando una pianificazione per area tecnica e non per regione e apportando sostanziali modifche al bando di gara utilizzato nelle aree digitalizzate nel 2011. Sulla questione relativa alla banda 700 Mhz. è previsto oggi un incontro tra la direzione generale del Dipartimento alle comunicazioni del Ministero (che negli ultimi tempi sta tenendo un atteggiamento dirigista poco produttivo) e gli operatori del settore, tra cui l'Associazione Tv Locali FRT. (M.L. per NL)
14/02/2012 15:01
 
NOTIZIE CORRELATE
Si delineano i contorni dell'operazione Mediaset-Retecapri con la quale il Biscione ha acquisito il canale 20 del digitale terrestre televisivo.
Seguendo un trend ormai consolidato che vede l'integrazione delle piattaforme distributive dei contenuti radiofonici anche sui device tv (smart e DTT) in considerazione che la maggioranza degli utenti non dispone più di apparati riceventi FM casalinghi (sicché la fruizione domestica del medium può avere luogo solo attraverso tv, pc o smartphone), Radio Sportiva sbarca sul digitale televisivo terrestre.
Sony approda sulla tv italiana free to air: è recente l’annuncio, infatti, del raggiungimento di un accordo con la TBS di Costantino Federico per la cessione degli lcn 45 e 55, qui quali probabilmente andranno Axn ed Axn Sci-Fi.
Secondo quanto riportato dal Sole24ore, Viacom Networks sarebbe intenzionata a riportare Mtv sul digitale terrestre. Il canale prescelto dovrebbe essere il numero 49, ora di proprietà del gruppo americano Scripps Networks, il quale intenderebbe spostare il proprio business sul LCN 33 (rilevato la scorsa estate dalla sfortunata Agon Channel).
Nessun cambio di orientamento della DGSCERP del Ministero dello Sviluppo Economico a riguardo dell’affitto di ramo d’azienda di un'autorizzazione di fornitura di servizi di media audiovisivi con annesso logical channel number (LCN).