Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Le radio locali chiedono ad Audiradio equilibrio, imparzialità e ritorno al metodo Cati
L'associazione Aeranti-Corallo su Audiradio. Come si evince dall’articolo di ItaliaOggi del 19 marzo 2011, l’intervento del coordinatore dell'ente associativo Marco Rossignoli contiene vere e proprie richieste rivolte alla società di rilevazione, per riformare la governance e ottenere la ripresa delle indagini.
Il monito di Rossignoli esprime il pensiero delle radio locali aderenti al sindacato, profondamente radicato all’esigenza di equilibrio tra i vari soggetti, quale conditio sine qua non della salvifica imparzialità. Ottenendo armonia tra le voci contrastanti dei soci, si potrebbe pensare ad una ripresa dell’attività di indagine, è la sintesi del pensiero di Aeranti-Corallo. In primis, quindi, bisogna mettere mano sull’assetto della governance della società di rilevazione attraverso l’aumento del numero dei consiglieri e l’ampliamento del consiglio di amministrazione, affinchè si raggiunga una coerenza delle proporzioni rispetto alle dimensione delle aziende rappresentate. Senza dubbio l’organismo esige una svolta, connotata dal doveroso incipit di flessibilità del funzionamento del meccanismo stesso, il quale deve essere pulito da qualsivoglia scomodità quali per esempio la permanenza del diritto di veto e di diritti speciali in capo ad alcuni soci. A parere del sindacalista radiotelevisivo l’ordine auspicabile non è nemmeno ravvisabile nella novità dei Meter, ritenuti portatori dei medesimi problemi che caratterizzano i Diari cartacei, come per esempio il campione troppo basso. Di conseguenza le radio locali di Aeranti-Corallo sono dell’avviso che un ritorno al metodo Cati segnerebbe la riforma della società, in quanto ha permesso per 20 anni il corretto funzionamento dell’attività di rilevazione dell’audience radiofonica. Mettere a tacere la guerra intestina di Audiradio e affidarsi al potere della tradizione sembrano essere i desideri di Aeranti-Corallo. (C.S. per NL) 
21/03/2011 16:15
 
NOTIZIE CORRELATE
Pubblicati i dati risultanti dalle rilevazioni sugli ascolti radiofonici di Radio Monitor by Eurisko (ultima tornata in attesa della successione della Tavolo Editori Radiofonici srl nell'indagine) e relativi al secondo semestre 2016, dai quali spicca il dato riguardante le emittenti Mediaset: il Biscione arriva a controllare un quarto degli ascolti radiofonici nel giorno medio (attraverso le emittenti di proprietà R101, Virgin Radio e Radio 105 e senza considerare quelle commercializzate: Radio Kiss Kiss, RMC, Subasio e Norba), confermando le preoccupazioni della concorrenza (in particolare di Linus, direttore di Radio Dee Jay).
Le emittenti radiofoniche interessate stanno ricevendo in questi giorni il modulo d'adesione alla prima indagine sull'ascolto radiofonico italiano gestita dalla milanese TER - Tavolo Editori Radiofonici srl, la nuova società di diritto privato che si occuperà della raccolta e dell'elaborazione sull'audiance del medium.
La TER (Tavolo Editori Radio srl) ha assegnato l’indagine sugli ascolti radiofonici in Italia nel 2017 ad Ipsos e GfK Eurisko che si distribuiranno equamente l’incarico, mentre ad un terzo ente ancora da definire verrà affidata l’attività di controllo.
Inizieranno dall’ormai vicino 2017 i lavori della nuova Audiradio, l’istituto di rilevazione degli ascolti radiofonici che nasce dalla collaborazione fra gli editori nazionali e locali del settore.
Come ampiamente spiegato nei precedenti articoli, gli editori radiofonici pubblici e privati, nazionali (soprattutto) e locali, hanno creato una società (Tavolo Editori Radio) che ha come obiettivo la rilevazione degli ascolti dopo la chiusura di Audiradio, cui è succeduto l'istituto Eurisko con la sua indagine Radio Monitor, fino ad ora unico strumento disponibile per il monitoraggio.