Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Le strategie del ritorno in video di Mentana. Si ragionerà sul successo dei programmi di Piroso e sullo scarso appeal dei tg de La 7
La conferma ufficiale è arrivata il 23 giugno quando, nello studio de L’Infedele, è stato presentato il nuovo direttore dell’informazione e dei tg di La7, Enrico Mentana.
Resta incerto tuttavia il futuro dell’ormai ex direttore Antonello Piroso che potrebbe restare alla conduzione di Omnibus e Niente di personale. Il nuovo volto di La7 ha così commentato la presenza di due direttori alla conduzione del tg: “Io non voglio che Piroso lasci La7 perché mi è sempre piaciuto come conduttore, lo considero un talento. Se Piroso deciderà di rimanere a La 7, continuerà sicuramente a condurre il programma di approfondimento Omnibus che è una sua creatura assieme a Niente di Personale. In caso contrario bisognerà riorganizzare la conduzione di quella parte del palinsesto e anche il mio contratto cambierà”. Mentana prende, quindi, le redini di un tg poco seguito che, al contrario, dovrebbe essere uno dei contenuti di punta del palinsesto. A suo parere, infatti, una rete “forte” in termini di audience ha anche tg a buoni livelli di ascolti, cosa che La7 non pare registrare. Questa constatazione non ha certo fatto piacere a Piroso il quale, nella puntata de I Piroso, ha sbandierato tutta una serie di dati e numeri riguardanti lo share di tg e programmi televisivi, sostenendo che l’edizione delle 20 del notiziario televisivo è in crescita nell’ultimo anno, ed è passato dal 2,50% al 2,70% di share fino a raggiungere il 4,75%. Ciò nonostante sono dati ancora bassi se confrontati con gli altri programmi del canale del gruppo Telecom Italia Media. Omnibus, infatti, che copre le prime ore del mattino (7.00 – 9.00) registra uno share del 5%. Dalle 9.00 alle 12.00 gli ascolti calano arrestandosi a 3,23 punti percentuali con programmi tra i quali spicca sempre l’ex direttore Piroso con I Piroso e una serie televisiva. Il resto delle fasce orarie presenta uno share che si attesta tra i 2,67 e i 2,99 punti percentuali. Altri contenuti come Exit, Infedele e Otto e mezzo ottengono buoni risultati raccogliendo rispettivamente il 4,2%, il 3,9% e il 3,2% di share. L’ingaggio di Mentana non solo potrebbe portare un aumento degli ascolti del tg (che, secondo le stime, nel giro di un anno potrebbero raggiungere il 5 o 6% di share), ma anche maggiori introiti pubblicitari: è stato calcolato che un punto percentuale di La7 vale, in termini pubblicitari, circa 40 milioni di euro. La7 è stata definita come una tv dalle grandi potenzialità, e forse, anche con l’arrivo del nuovo direttore, queste potenzialità potrebbero essere sfruttate. I frutti sperati non hanno tardato ad arrivare: l’entrata in scena dell’ex conduttore di Matrix nel notiziario serale ha fatto volare al 4,38% lo share nella sera del debutto (2 luglio), mentre nella settimana dal 4 al 10 luglio il tg di della rete ha registrato gli ascolti più alti dell’edizione delle 20, arrivando a toccare i 4,2 punti percentuali di share. Il neo direttore dell’informazione di La7 ha dunque raccolto la sfida di rilanciare il tg della rete dichiarando quanto segue: “è il momento giusto per ritagliare al telegiornale della rete un ruolo importante, vista anche la crisi di identità e di ascolti degli altri tg, e che la linea di fondo sarà ”dare tutte le notizie: non ci sarà nessuna notizia seria e verificata che vi sarà impedito di dare”. (M.C. per NL)
13/07/2010 09:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Cairo Editore ha registrato, nel 2016, una crescita del 7% (rispetto al 2015) in termini di raccolta pubblicitaria proveniente dalle testate del gruppo, per un totale di 27,6 mln di euro (nel 2015 sono stati invece 25,8 mln).
L’Effetto Sanremo, ossia il picco di ascolti che Rai 1 registra durante il Festival, consegna al primo canale nazionale la cima della classifica dello share (17,61%) riferito alla prima serata di febbraio 2017 e al target “commerciale” di utenti tra i 15 e i 54 anni.
Valorizzare gli ascolti in netta crescita e migliorare il fatturato: questo è l’obbiettivo di Urbano Cairo per quanto riguarda il 2017.
Tempi d’oro per Urbano Cairo e la sua La7, che godono dei risultati derivanti dall’aver scommesso sull’informazione e l’approfondimento politico nel disegnare il proprio palinsesto.
Un ottobre d’oro per Canale 5 che, con uno share nelle 24 ore del 16,80%, supera Rai 1 (15,8%) grazie ad alcune prime serate di successo (come il Grande Fratello Vip) e al palinsesto nella fascia pomeridiana.