Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libertà dei media: il governo turco critica Renzi
Critiche dal governo turco dopo le dichiarazioni del presidente del consiglio Matteo Renzi in merito alla libertà di stampa in Turchia, rilasciate durante la trasmissione 'Le invasioni barbariche' del 14 gennaio.
"Abbiamo chiesto con urgenza spiegazioni al premier Renzi", ha detto il primo ministro turco Ahmet Davutoglu, minacciando di "reagire con fermezza" se da Roma non arriveranno chiarimenti. "Non è possibile accettare queste dichiarazioni - ha continuato il premier turco, citato dal quotidiano Hurriyet - Abbiamo protestato per vie diplomatiche con l'Italia sia ad Ankara che a Roma. Se il primo ministro italiano non ci darà chiarimenti, reagiremo con fermezza". Nel corso della trasmissione su La7, Renzi ha commentato la presenza di Davutoglu alla marcia di Parigi sulla libertà dei media, organizzata in seguito agli attacchi contro la sede di Charlie Hebdo. Il presidente del consiglio ha parlato di "contraddizioni", ricordando che il mese scorso il presidente turco Recep Tayyip "Erdogan ha ordinato l'arresto (di giornalisti, ndr) e la chiusura di alcune testate". "E' evidente che c'è un problema", ha detto Renzi, parlando di una realtà in Turchia che "stride molto" con la presenza di Davutoglu alla marcia di Parigi. Parlando della vicenda con Aki-Adnkronos International, fonti ufficiali turche hanno sottolineato che "le dichiarazioni di Renzi in quella trasmissione hanno creato enormi problemi" per i rapporti bilaterali. Per le fonti è una vicenda "irritante" e Ankara "sta ancora aspettando una risposta". (AdnKronos)
17/01/2015 10:41
 
NOTIZIE CORRELATE
La tutela della libertà di espressione passa anche dalla commisurazione della sanzione pecuniaria inflitta ai giornalisti condannati al risarcimento.
Nello scorso mese di novembre non tutti i siti d’informazione italiani hanno ottenuto risultati positivi. Rispetto al mese precedente, Repubblica segnala una crescita di utenti del 4% per un totale di 1,56 milioni, a differenza del Corriere della Sera che con 1,08 milioni non registra sensibili variazioni (+0,1%) e della Stampa che accusa un pesante calo del 14,3%.
Il mutevole evolversi della coscienza sociale e il proliferare di mezzi di comunicazione di massa (tra cui anche quelli telematici) pongono il problema concernente l'individuazione del ruolo dell’informazione e dei limiti di liceità della stessa, ove potenzialmente lesive della reputazione altrui, nel contemperamento dei diritti del singolo alla diffusione di notizie che, seppur veritiere, potrebbero mettere in pericolo il valore dell’onore, tutelato dalla Carta Costituzionale, e dell’interesse pubblico alla diffusione di notizie di rilevanza pubblica.
Il settore dei media ha registrato nel quinquennio 2011 – 2015 forti contrazioni dei ricavi, con una perdita pari al 30% per l’editoria quotidiana e periodica e di oltre il 20% relativamente al settore delle telecomunicazioni.
Via libera definitivo della Camera al ddl editoria, che disciplina principalmente il sostegno pubblico al settore. Ecco, in sintesi, il testo trasmesso al Senato.