Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Aziende di successo sui social media. Creare valore e generare business
 
Lo sviluppo e la diffusione negli ultimi anni dei social media sono sotto gli occhi di tutti: i nuovi mezzi possono essere di grande aiuto alle aziende per il raggiungimento degli obiettivi in tutte le fasi del processo di acquisto di un prodotto e di un servizio.
Grazie a questi nuovi canali di comunicazione, le aziende possono incrementare la notorietà del loro marchio e dei relativi prodotti, avvicinare e interessare il pubblico creando una relazione e un coinvolgimento emozionale basati sul dialogo e la conversazione, spingere e promuovere l’acquisto dei beni mediante le raccomandazioni e i feedback ricevuti da amici e influencer e inoltre fidelizzare i propri clienti grazie alla relazione di fiducia e trasparenza instaurata. Scopo del presente volume è quello di raccontare, mediante una ricca e approfondita case history, alcune esperienze di successo di aziende italiane che hanno saputo utilizzare i social media per raggiungere i propri obiettivi di marketing e di business – all’interno del testo è presente un’apposita sezione che raccoglie l’esperienza acquisita dal Social Case History Forum, l’evento milanese che negli ultimi 3 anni ha presentato al pubblico oltre 100 case study di progetti italiani -. I due autori Leonardo Bellini (fiorentino di nascita e milanese d’adozione, con una laurea in Ingegneria elettronica in tasca, ha conseguito l’Executive MBA presso il MIP e si occupa di Internet dal 1996) e Lorena Di Stasi, entrata vent’anni fa nel mondo di Internet tramite una web agency, si pongono come obiettivo quello di mostrare al lettore la semplicità della strategia aziendale basata su un progetto social, nonché gli enormi benefici che se ne potrebbero trarre. Nati per soddisfare l’esigenza di un semplice scambio relazionale fra le persone, ora i social network, collaborando con le aziende, iniziano a fare di necessità profitto, sfruttando – come sostenuto dagli autori – “non una richiesta di mercato, bensì un’urgenza”. Il testo, edito da Hoepli (www.hoepli.it) è disponibile alla vendita al costo di € 18,00. (V.R. per NL)
 
05/09/2014 08:37
 
NOTIZIE CORRELATE
Scritto da Francesco Saverio Del Buono, avvocato del Foro di Bari e presidente dell’associazione Unione tutela degli inquilini, il manuale intende costituire un pratico sostegno per i professionisti del settore delle locazioni ad uso abitativo: avvocati, commercialisti o agenti immobiliari, fornendo loro un immediato quadro normativo in materia di locazione.
Definito dal New York Times “un incontro straordinario”, scritto a quattro mani dalla scrittrice indiana Arundhati Roy e dal noto attore John Cusack (attore nelle note pellicole “Serendipity” e “1408”, per citarne alcune), il testo in titolo è il frutto di un’idea particolare.
Opera diretta da Ferruccio Auletta, con i contributi di Raffaele Cantone, Francesco Capalbo, Giuseppe Guizzi, Alberto Massera, Federico Riganti, Alberto Rigoni, Elisa Scaroina, Margherita Smarra e Giovanni Strampelli; esperti di scienze economiche, aziendali e contabili (oltre che giuristi) di diversa estrazione disciplinare (e istituzionale).
Scritto a sei mani da Alberto Gambino, noto giurista italiano, Mirzia Bianca e Raffaella Messinetti, entrambe professori di Diritto Privato presso l’Università “La Sapienza” di Roma, questo testo affronta il delicato tema del bilanciamento della libertà di manifestazione del pensiero con i principali diritti fondamentali, tema ancor più pregnante con l’arrivo della tecnica e dei social networks che apre al giurista nuovi scenari e vari interrogativi.
Sempre più diffuso, il fenomeno collettivo delle trasmissioni televisive che vanno a scandagliare tragiche vicende di cronaca crea un divario sempre più evidente tra l'accertamento dei fatti all'interno del processo e quello effettuato nella rappresentazione mediatica, dove i dati scientifici sono filtrati dalla lente deformata dei mass media e presentati come prove indubitabili, creando nelle menti degli spettatori l'emozionante illusione di poter basare su dati certi la responsabilità degli imputati.