Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Berlusconi, finale di partita
"Guardava avanti, quella sera, Silvio Berlusconi. Aveva il volto terreo. Era assorbito da un turbinio di immagini, di grida. Non scrutava quella muraglia umana che si era formata ai due lati di via Quattro Novembre".
"Gli sembrava un fatto incredibile dover passare tra ali di una folla che agitava le mani, sbeffeggiava, alzava lenzuola bianche. Da lontano, arrivavano gli echi di una contestazione mai vista, ritmata dalle grida di «buffone», «in galera». E sul selciato cadevano monetine, lanciate a distanza, da ragazzini dal volto sudato, con gli occhi sgranati. Tanta eccitazione per vedere lui salire al Quirinale. Da Palazzo Grazioli al palazzo del Quirinale, il nastro stradale, si percorre in un baleno. Ma la sera del 12 novembre 2011, era un percorso accidentato, l’Audi andava a sbalzi, malgrado la maestria dell’autista. Non poteva correre, teneva l’acceleratore pigiato il meno possibile. Il lampeggiante proiettava fasci di luce azzurrognola e blu che deformavano i volti della folla assiepata. Sembravano mostruosi sguardi pieni di ferocia. Le loro bocche erano simili a fauci pronte a inghiottire anche lui, qualcosa di mostruoso e angosciante. Aveva in mente, in quegli istanti, soltanto le battute che avrebbe recitato al Capo dello Stato, Giorgio Napolitano. «Presidente, mi dimetto. Ho valutato, non ho più i numeri, devo passare la mano». Avrebbe ricevuto una risposta gelida – lo sapeva – la lancia era spezzata. La fiducia di tre anni prima, quasi un plebiscito alla sua persona, si era frantumata sotto i colpi dello spread, mai arrivato a quella quota di 500 punti, delle insistenze mai esibite, sempre celate, di Angela Merkel, di Nicolas Sarkozy e di Baraci Obama. Aveva superato le Colonne d’Ercole anche della sua esistenza. Era andato contromano, a 200 all’ora da Milano a Roma, e ritorno, parecchie volte, in 17 anni di potere a Palazzo Chigi […]". Ne "Berlusconi, finale di partita", Fabrizio Rizzi, giornalista di lungo corso, traccia la parabola dell'imprenditore prestato allo politica Silvio Berlusconi in uno scorrevole libro di 124 pagine. Edito da Tullio Pironti Editore (www.tulliopironti.it), il testo è in vendita ad euro 8.00. (M.L. per NL)
 
06/08/2012 08:39
 
NOTIZIE CORRELATE
Lo scorso 15 Marzo, durante la Conferenza stampa di Radiomediaset, il Ceo Paolo Salvaderi ha illustrato i risultati operativi del gruppo, mentre Pier Silvio Berlusconi – alla conclusione dell’incontro con i giornalisti - ha offerto spunti collaterali sulle vicende Mediaset: il contenzioso con Vivendi, l’acquisto del logical channel number 20 (argomenti già approfonditi in precedenti articoli), l’intoppo nei rapporti col giornalista Giuseppe Cruciani e l’affare Ei towers-RaiWay.
Tagli drastici al pacchetto calcio con l’obiettivo di ridurre le spese: questo l’intento annunciato da Piersilvio Berlusconi durante la presentazione delle linee di sviluppo della pay-tv relative all’anno 2020.
Presentate il 18/01 a Londra le Linee guida di sviluppo Mediaset: atteso al 2020 un miglioramento dell'EBIT di 468 milioni nelle attività media italiane. Raccolta pubblicitaria 2016 in crescita del 4,0%.
Un nuovo comunicato stampa telegrafico della francese Vivendi annuncia il raggiungimento di quel 20% del capitale Mediaset che era l’obiettivo annunciato del gruppo solo tre giorni fa; adesso, la media company guidata da Vincent Bolloré, può entrare nel cda del Biscione.
Si fanno sempre più tesi i rapporti tra Mediaset e i francesi di Vivendi a riguardo della mancata acquisizione della pay tv Premium, querelle ormai approdata nelle aule giudiziarie.