Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Effetto digitale. Le nuove professioni, gli strumenti e il Personal Branding
 
In un mercato sempre più competitivo e liquido, riuscire ad emergere con le caratteristiche distintive della propria identità è l'unica leva che possa condurre al riconoscimento e all’apprezzamento di una professionalità: la rete in questo può essere una forte alleata.
Quanto ne sai di digitale? Quali sono le tue competenze? Conosci gli strumenti di personal branding e di produttività personale? Quanto è diventata digitale la tua azienda? Questi sono solo alcuni degli interrogativi chiave su cui gli autori Andrea Boscaro (fondatore di The Vortex, la prima società di formazione dedicata al marketing digitale, un team di professionisti che insieme ad istituzioni e operatori del mondo della formazione, diffondono la conoscenza di questo strumento sul territorio) e Riccardo Porta (laureato in economia aziendale, dal 2012 general manager di Become Italia, consulente per la ricerca di profili digitali in azienda per la società di selezione Keystone Italia ed inoltre parte del consiglio di amministrazione del Consorzio Netcomm, l'associazione italiana del commercio elettronico), hanno deciso di incentrare l’intero volume. Il testo infatti approfondisce, con spunti strategici e con esempi pratici, come il digitale stia cambiando il mondo del lavoro, introducendo nuove professionalità e offrendo ad aziende e professionisti modelli e opportunità, ma anche minacce e aree di attenzione per le quali è necessario prestare la massima cautela, a partire dalla gestione della reputazione. Effetto digitale si pone quindi come un manuale-guida alla scoperta delle modalità con le quali misurarsi con il mondo del digitale e come aiuto concreto per entrare a farne parte. Di fronte al digitale, come scrivono Boscaro e Porta nell’Introduzione, non occorre preoccuparsi, ma più semplicemente occuparsi: “non è infatti la specie più intelligente quella che sopravvive, né la più forte – diceva Charles Darwin -, ma la più capace di adattarsi al cambiamento”. Il testo, edito da Franco Angeli Editore (www.francoangeli.it), è in vendita al costo di € 24,00. (V.R. per NL)
 
26/02/2015 08:53
 
NOTIZIE CORRELATE
Scritto da Francesco Saverio Del Buono, avvocato del Foro di Bari e presidente dell’associazione Unione tutela degli inquilini, il manuale intende costituire un pratico sostegno per i professionisti del settore delle locazioni ad uso abitativo: avvocati, commercialisti o agenti immobiliari, fornendo loro un immediato quadro normativo in materia di locazione.
Definito dal New York Times “un incontro straordinario”, scritto a quattro mani dalla scrittrice indiana Arundhati Roy e dal noto attore John Cusack (attore nelle note pellicole “Serendipity” e “1408”, per citarne alcune), il testo in titolo è il frutto di un’idea particolare.
Opera diretta da Ferruccio Auletta, con i contributi di Raffaele Cantone, Francesco Capalbo, Giuseppe Guizzi, Alberto Massera, Federico Riganti, Alberto Rigoni, Elisa Scaroina, Margherita Smarra e Giovanni Strampelli; esperti di scienze economiche, aziendali e contabili (oltre che giuristi) di diversa estrazione disciplinare (e istituzionale).
Scritto a sei mani da Alberto Gambino, noto giurista italiano, Mirzia Bianca e Raffaella Messinetti, entrambe professori di Diritto Privato presso l’Università “La Sapienza” di Roma, questo testo affronta il delicato tema del bilanciamento della libertà di manifestazione del pensiero con i principali diritti fondamentali, tema ancor più pregnante con l’arrivo della tecnica e dei social networks che apre al giurista nuovi scenari e vari interrogativi.
Sempre più diffuso, il fenomeno collettivo delle trasmissioni televisive che vanno a scandagliare tragiche vicende di cronaca crea un divario sempre più evidente tra l'accertamento dei fatti all'interno del processo e quello effettuato nella rappresentazione mediatica, dove i dati scientifici sono filtrati dalla lente deformata dei mass media e presentati come prove indubitabili, creando nelle menti degli spettatori l'emozionante illusione di poter basare su dati certi la responsabilità degli imputati.