Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Fare business con Facebook. Il nuovo marketing dei social network
 
Il social network che vanta più di 22 mln di Italiani online ed è prossimo al traguardo di 1 mld di iscritti nel mondo, è la piattaforma imprescindibile per comunicare e condividere informazioni con amici e clienti, in Italia e su scala globale.
Anche se il nostro paese non brilla per ora in nessuna delle classifiche relative al mondo del web, nei dati riguardanti l’utilizzo di Facebook però possiamo affermare di essere nettamente in linea con la tendenza internazionale, anzi di averla sorpassata in più di un’occasione. Nato nel 2004 ad Harvard dall’idea di Mark Zuckerberg e di alcuni suoi compagni di università, ora il fenomeno Facebook permea ogni ambito o quasi della nostra vita di cittadini del terzo millennio, influenzando inevitabilmente il modo in cui ci relazioniamo con il prossimo, ci informiamo, ci divertiamo, organizziamo il tempo, gestiamo la nostra rete di contatti e amicizie, fino a cogliere le opportunità offerte dal web per lavorare, sviluppare economia e benessere sociale. Dal sito web, dal cellulare, attraverso le app per smartphone e tablet: non c’è piazza virtuale pari a Facebook, popolata ogni giorno da un pubblico tanto trasversale quanto fedele. Facebook è l’ambiente ideale dove sviluppare una strategia di business in cui le aziende possono dialogare e restare in contatto diretto con i propri clienti, senza intermediari, da persona a persona. Attualmente infatti non si contano più le piccole attività commerciali, gli hotel, i ristoranti, le amministrazioni pubbliche, le aziende grandi e piccole, i musei che hanno scoperto che il social di Zuckerberg può diventare un canale relazionale privilegiato. Nell’era del Web 2.0, in cui tutti possono esprimersi senza filtri, Facebook, con i suoi strumenti, è il punto di partenza per qualsiasi operazione di marketing e di comunicazione, dalla più semplice alla più raffinata: dalla piccola e media impresa alla multinazionale, ogni azienda può trarre benefici misurabili dalla relazione diretta con i propri clienti e simpatizzanti. Nel presente volume, giunto ormai alla sua terza edizione, l’autore Luca Conti (che dal 2007 studia il marketing su Facebook e che da allora segue anche l’evoluzione del Web 2.0 per il mondo business, consigliando e formando le aziende sull’uso avanzato dei social media per il marketing e la comunicazione) presenta una panoramica dei casi più interessanti per un uso intelligente e originale delle potenzialità del sito. Fare business con Facebook, che si prefigura come un vero e proprio manuale pratico, è dedicato non solo agli operatori del settore ma anche agli utenti senza alcun interesse nel mondo degli affari, per i quali il volume può essere un valido strumento per sfruttare le opportunità di comunicazione personale e aziendale. Il volume, edito da Hoepli (www.hoepli.it), è disponibile alla vendita al costo di € 22,90. (V.R. per NL)
 
01/10/2014 08:23
 
NOTIZIE CORRELATE
Non è un segreto che Facebook sia di gran lunga il social network più diffuso al mondo, con un’utenza che si aggira intorno ai 2 miliardi e nessun concorrente effettivamente in grado di scalfirne le dimensioni; è proprio per questo motivo che le altre piattaforme hanno finora puntato sul fornire servizi alternativi e Facebook ha puntualmente fatto di tutto per inglobarle, mostrando un atteggiamento che sembra nascondere l’intenzione di restare l’unico sulla piazza.
Facebook punta al mercato musicale per migliorare la sua rendita, e conta di farlo continuando a sfidare Google e la sua colossale piattaforma video, il contenuto online che crea maggior engagement in assoluto.
Se si parla di diffamazione, Facebook e i social non sono assimilabili alla stampa ma vanno considerati come mezzo di pubblicità: così stabilisce una recente sentenza della Cassazione.
Il fermento suscitato dalle elezioni presidenziali americane sembra aver portato alla luce il fenomeno preesistente delle “fake news” (le "bufale"), contro il quale pare si stia avviando una vera e propria “guerra”.
Facebook sta lavorando alla realizzazione di un applicazione mirata ad inserirsi all’interno di dispositivi da collegare al televisore o agli Apple TV, incentrata sui video.