Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Food Marketing. Creare esperienze nel mondo dei foodies

È noto a tutti che il food sia ormai diventato la nuova religione di consumo, la cultura dei giovani, l'argomento mediatico vincente - Expo incluso -: esiste però un grande divario tra il successo del fenomeno e la sua interpretazione.
Perché Carlo Cracco cucina per i poliziotti della Questura di Milano per festeggiare il patrono della Polizia di Stato? Perché i vostri figli vi chiedono di partecipare a "Junior MasterChef"? Perché i vostri migliori amici girano il mondo volando low cost, ma collezionando cene stellate nelle nazioni europee? Il volume risponde a tutte queste frequenti domande, analizzando le nuove tendenze di consumo dei foodies (i gourmet appassionati di cibo e bevande, viste come un vero e proprio hobby, una passione) e contemporaneamente suggerendo alle aziende e agli imprenditori come operare in questi mercati sia per avere successo, sia per evitare dei guai. Se essere italiani aiuta, non è però sufficiente in sé e per sé: il settore food infatti è forse il più complesso nel quale operare, quello che richiede maggior equilibrio tra creatività e utilizzo di regole ormai consolidate e scientifiche. L'innovazione, vista come capacità di leggere i nuovi significati di consumo nel mondo alimentare, costituisce la chiave del successo, insieme al coraggio e alla coerenza imprenditoriale. L’autore Carlo Meo, uno tra i massimi esperti internazionali di comportamenti di acquisto e di concepting di retail esperenziale, nonché docente dei corsi di Design Experience, presso il Politecnico di Milano, tra gli altri argomenti, illustra al lettore anche i perché della proliferazione di programmi televisivi incentrati sull’argomento e dell’interesse continuo dell’editoria e del mondo social verso il settore food. Un’azienda incentrata sull’alimentare, infatti, non può più prescindere dal web, ritenuto strumento primario per ottenere un buon posizionamento di valore, così come dalla stampa tradizionale, definita dall’autore come un organo sul quale triangolare più che uno spazio da acquistare, un partner con cui sviluppare contenuti utili su entrambi i fronti. Il testo, edito da Hoepli (www.hoepli.it), è in vendita al costo di € 17,90. (V.R. per NL)

28/05/2015 07:32
 
NOTIZIE CORRELATE
Scritto da Francesco Saverio Del Buono, avvocato del Foro di Bari e presidente dell’associazione Unione tutela degli inquilini, il manuale intende costituire un pratico sostegno per i professionisti del settore delle locazioni ad uso abitativo: avvocati, commercialisti o agenti immobiliari, fornendo loro un immediato quadro normativo in materia di locazione.
Definito dal New York Times “un incontro straordinario”, scritto a quattro mani dalla scrittrice indiana Arundhati Roy e dal noto attore John Cusack (attore nelle note pellicole “Serendipity” e “1408”, per citarne alcune), il testo in titolo è il frutto di un’idea particolare.
Opera diretta da Ferruccio Auletta, con i contributi di Raffaele Cantone, Francesco Capalbo, Giuseppe Guizzi, Alberto Massera, Federico Riganti, Alberto Rigoni, Elisa Scaroina, Margherita Smarra e Giovanni Strampelli; esperti di scienze economiche, aziendali e contabili (oltre che giuristi) di diversa estrazione disciplinare (e istituzionale).
Scritto a sei mani da Alberto Gambino, noto giurista italiano, Mirzia Bianca e Raffaella Messinetti, entrambe professori di Diritto Privato presso l’Università “La Sapienza” di Roma, questo testo affronta il delicato tema del bilanciamento della libertà di manifestazione del pensiero con i principali diritti fondamentali, tema ancor più pregnante con l’arrivo della tecnica e dei social networks che apre al giurista nuovi scenari e vari interrogativi.
Sempre più diffuso, il fenomeno collettivo delle trasmissioni televisive che vanno a scandagliare tragiche vicende di cronaca crea un divario sempre più evidente tra l'accertamento dei fatti all'interno del processo e quello effettuato nella rappresentazione mediatica, dove i dati scientifici sono filtrati dalla lente deformata dei mass media e presentati come prove indubitabili, creando nelle menti degli spettatori l'emozionante illusione di poter basare su dati certi la responsabilità degli imputati.