Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Il lavoro manuale, orgoglio e pregiudizi. Il futuro del lavoro, i lavori del futuro
 
Il testo è un viaggio alla riscoperta del lavoro manuale. Dare forma all’intimità del proprio pensiero attraverso il lavoro delle mani e sentirsi liberi: anche di questo si nutre l’orgoglio del «saper fare» italiano.
Un Paese manifatturiero, un patrimonio (forse l’ultimo) che non dobbiamo e non possiamo rischiare di perdere. L’orgoglio è tra le righe di ogni storia raccontata nelle pagine del volume in esame. Ricordi e testimonianze di persone che hanno creato e creano tutt’oggi prodotti italiani con le loro mani. Inventarsi una tecnica e sentirsi artigiano, come fece Ottavio Missoni con i suoi tessuti e le sue fantasie creative, creare cappelli a mano come è per tre giovani imprenditori fiorentini del Made in Italy, lavorare il legno con amore e dedizione, come fu per Ezio Foppa Pedretti e come è per un giovane macchinista-costruttore del Teatro alla Scala di Milano. Partendo dal ricordo del sacrificio e dell’amore delle mani del padre – come si legge nell’introduzione – l’autrice Paola Caravà (che vanta un’esperienza trentennale nello sviluppo e nella formazione delle Risorse Umane) ci accompagna alla scoperta dell’”azienda-mani”, affrontando con determinazione e incisività molti pregiudizi legati a questo settore lavorativo artigianale. Già nel medioevo il frate domenicano Tommaso D’Aquino nella sua Summa Theologica parlando del lavoro manuale aveva espresso che “si intendono tutte le occupazioni con le quali gli uomini guadagnano lecitamente da vivere, sia che esse si compiano con le mani, o con i piedi, o con la lingua”. Guardare e sorprendersi nuovamente dei mestieri manuali potrebbe costituire una possibilità diversa e interessante per tutti quei giovani disorientati e in cerca di un’occupazione, che potranno acquisire maggior consapevolezza delle opportunità che il mercato offre. “Un vero viaggio di scoperta non è cercare nuove terre, ma avere nuovi occhi” diceva Marcel Proust. Nella scelta di un lavoro ogni direzione è possibile: non è importante che sia un lavoro intellettuale o manuale, è importante che sia il lavoro che aiuta a esprimere la propria unicità, a correre e passeggiare secondo il proprio passo. Il testo edito da Guerini Next (www.guerininext.it) è disponibile alla vendita al costo di € 20.00. (V.R. per NL)
 
03/10/2014 08:29
 
NOTIZIE CORRELATE
E’ prorogato al 16 dicembre 2011 il termine concesso ai sostituti d’imposta per regolarizzare i versamenti degli importi per la detassazione dei premi di produttività, senza applicazione di sanzioni.
Il numero uno della multinazionale del lavoro Manpower Group in Italia studia, analizza e riflette sulla riforma in fieri del mercato del lavoro.
Il Tribunale di Milano ha dato ragione ad un pensionato che ha ricorso contro il regolamento dell’INPGI che pone limiti alla cumulabilità delle pensioni di anzianità con i redditi da lavoro dipendente o autonomo.
Sono finiti i tempi degli annunci sul giornale, in cui la penna spuntava meccanicamente trafiletti e offerte di lavoro: il mercato si affaccia sul web e attraverso i social network bussa alla nostra porta.
Il Consiglio dei Ministri del 9 giugno ha approvato in via definitiva il decreto legislativo per il riordino della normativa in materia di congedi, aspettative e permessi dei dipendenti sia pubblici che privati.