Home
HomeRedazioneS.I.T.Archivio Newsletter NLArchivio S.I.T.PubblicitàLink utiliContatti
 
Notizie EditoriaNotizie Giurisprudenza e NormativaNotizie Radio e TVNotizie WebNotizie VarieRaccolta EditorialiSpeciali NL
Libri. Il lavoro nelle reti di imprese: profili giuridici
 
Negli ultimi anni nel nostro paese è aumentata la diffusione di accordi fra imprese, atti all’instaurazione di rapporti duraturi per perseguire obiettivi di crescita condivisi.
L’esperienza e le recenti indagini empiriche hanno confermato, come viene sottolineato nell’introduzione del volume in esame, che le piccole e piccolissime realtà imprenditoriali italiane, caratterizzate da una marcata tradizione artigianale, tessono relazioni governate da regole precise volte da un lato a non alterare la rispettiva autonomia economico-giuridica, dall’altro a dare stabilità nella programmazione dell’attività produttiva. L'aggregazione fra imprese è peraltro vista con favore dal legislatore italiano che, negli ultimi anni, ha varato diversi provvedimenti volti ad incentivarla, vedendo in essa un motore idoneo a stimolare la competizione e l'innovazione, nonché una leva per il superamento dell'attuale condizione di crisi economica, che ha coinvolto e continua a coinvolgere un numero elevato di aziende. Gli studiosi e gli esperti di diritto civile e commerciale da qualche tempo si sono concentrati sulla materia con l’obiettivo di valutare se sia possibile attribuire una rilevanza giuridica agli accordi frutto di relazioni negoziali. Il volume esamina gli effetti giuridici che l'instaurazione di forme collaborazione reticolare produce sull'applicazione del sistema di tutele, predisposto dall'ordinamento a vantaggio del lavoratore subordinato. Nel dettaglio l'indagine si dipana in quattro tappe: la prima è dedicata a valutare in che modo la creazione di rapporti di collaborazione reticolare è suscettibile di incidere sulla nozione di datore di lavoro, alterando la formale imputazione del contratto di lavoro o ponendo responsabilità in capo a soggetti estranei al rapporto di lavoro. La seconda sezione è dedicata all'esame degli strumenti che meglio di altri appaiono funzionali a favorire l'acquisizione e la circolazione del lavoro all'interno della rete, per fronteggiarne le esigenze produttive ed organizzative (particolare attenzione viene dedicata in quest'ambito alla facoltà di assumere congiuntamente il lavoratore, da poco riconosciuta alle imprese stipulanti il contratto di rete). Nella terza parte del presente testo, sono ricostruiti gli effetti che l'instaurazione di rapporti di collaborazione reticolare produce sui diritti e sugli obblighi delle parti del contratto di lavoro. L'ultima parte è infine dedicata all'approfondimento del ruolo che può essere svolto dall'autonomia collettiva. L’autore del testo Ilario Alvino, attualmente ricercatore presso l’Università degli Studi Milano Bicocca e Dottore di Ricerca in Diritto dell’Impresa presso l’Università Bocconi, dopo l’attenta disamina di tutti gli aspetti del problema, inserisce una breve sezione conclusiva in cui si tirano le fila di tutto il ragionamento sul diritto del lavoro nelle reti d’impresa e sulla gestione del personale impiegato all’interno. Il testo, edito da Giuffrè (www.giuffre.it) è disponibile alla vendita al costo di € 38,00. (V.R. per NL)
 
09/09/2014 08:35
 
NOTIZIE CORRELATE
In una recente intervista per il quotidiano ItaliaOggi, Ernesto Auci, ex direttore del Sole tra il 1997 e il 2001 ed oggi presidente di Firstonline, ha espresso il proprio punto di vista sulla preoccupante situazione de Il Sole24Ore, prodotto editoria di Confindustria.
I dati riguardanti i primi mesi del 2017 mostrano, perlomeno in Italia, la crescita di un peculiare meccanismo che vede le grandi catene editoriali prevalere nettamente su quelle che sono le “piccole realtà”; un fenomeno lento ma costante ed in continua crescita.
Giovedì 9 marzo l’Antitrust si è espressa a favore della fusione Espresso-Itedi, imponendo però alcune condizioni da rispettare: il gruppo che edita Repubblica dovrà cedere a terzi il compito della raccolta pubblicitaria per le province di Genova e Torino, con il conseguente ritiro della concessionaria Manzoni (interna al gruppo Espresso) dalle due province.
L’attesa per l’integrazione Espresso-Itedi decisa il primo agosto dello scorso anno è ormai prossima ad una conclusione. "L'accordo segna una svolta importante per il Gruppo Espresso che avvia oggi un nuovo percorso di sviluppo, garanzia di un solido futuro in un mercato difficile. La missione di questa casa è sempre stata l’editoria, al servizio di una crescita civile del Paese. Con questa operazione, l’impegno viene riconfermato e accresciuto".
Torna a calare il dato della diffusione della stampa, sia cartacea che digitale, tra i lettori italiani: l’indagine Audipress 2016/III segnala una contrazione dell’1,4%, dato che sconfina rispetto alle previsioni del trend comunque negativo, ancorché più moderato.